Solitudine

Mentre girovagavo per la rete internet, mi imbatto su di un Blog gestito da un vero e proprio stronzo a tutti gli effetti di cui non voglio fare nomi per evitare possibili guai.
Questo tizio spiega i fondamenti delle relazioni sociali tra uomo e donna, descrivendo quali tipi di persone frequentare e quali evitare, sparando a zero su tutto. In pratica per lui devi esser solo, non ti devi trovare un/una partner, devi morire “solo” perché secondo questo signore, esistono nel mondo persone da evitare come la peste. Ovviamente.

Asserisce che una donna non dovrebbe mai frequentare uomini gelosi (o viceversa. Quando la gelosia è più che normale che esiste tra ambo i sessi quando si è innamorati) che bisogna evitare uomini con i “soldi” (meglio vivere da Reiètto ?) perché se troppo ricchi potrebbero ostentare “avarizia” (tirchi !!! ma va ?) e quindi l’amore è praticamente impossibile; per non parlare del “narcisista” con il carattere “infantile” che pensa solo a se stesso, quindi meglio evitarlo a priori. Insomma, oltre a queste cosucce troviamo una vastità di (come si suol dire) fare tutta l’erba un fascio.

Ora non voglio scrivere nel dettaglio tutte le stronzate scritte da questo stronzo sul suo blog, perché riconosco che è vero che il narcisismo ha un lato piuttosto negativo in qualunque persona di ambo i sessi, ma è anche vero (non sono un narcisista per chiarire) – come riportato da Wikipedia – presenta una vasta gamma di significati, a seconda di come viene veduto questo fenomeno; che potrebbe essere rappresentato come un Disturbo Mentale, (per descrivere un concetto centrale della teoria psicoanalitica) un Problema Sociale oppure Culturale; quindi bisogna fare Attenzione quando si parla di narcisismo.

Ora, al di là delle puttanate che molta gente scrive sui propri blog senza aver studiato, senza sapere, senza cognizione di causa, finalmente mi sono potuto rendere conto da solo di quanto sia inutile; andare a caccia di informazioni sui motori di ricerca.
Informazioni che per quanto possano sembrare assurde, in qualche modo condizionano le menti altrui (pur inconsapevolmente) a pensarla come loro, portando comunque chi legge questo tipo di Blog; decisamente fuori strada la gente di ogni genere, e di persone che si lasciano influenzare da queste cose il mondo ne è veramente pieno.

Desidero scrivere una cosa da ricordare: non bisogna dare retta alla gente che scrive stupidaggini sul web, persone che neanche sono psicologi, psichiatri, psicoterapeuti, terapisti, giornalisti seri e professionisti che raccontano verità e non balle tanto per raccontarle. Perché il popolo della rete, non sempre è documentato sui “fatti“, più che altro parlano per “opinioni“, quindi non bisogna prendere alla lettera tutto ciò che si legge, altrimenti si finisce inevitabilmente fuori strada. E’ un dato di fatto non da poco.

Dato che gli stronzi della rete “ignoranti” e “senza scrupoli” del cazzo ti vorrebbero “solo” come un cane leggendo queste loro cose, tu per fregarli sai che devi fare ?
Non leggerli più, mandali falliti sul web, così non guadagnano nemmeno con le pubblicità sui loro siti web. Inoltre non commentarli più sui loro Post di Blog, piuttosto esci di casa e frequenta chi te pare a te, poi conoscendo gente sicuramente nasceranno belle Amicizie, che con il tempo diventeranno anche nuovi Amori come è sempre stato. Ok ?
Per finire, per quanto riguarda la rete, mandala a cagare, usala solo per lavoro o per tenerti in contatto con chi conosci realmente e veramente, ma non usarla per leggere stronzate; altrimenti rovinerai solo la tua salute mentale. E’ un dato di fatto.

Mamma mia come state messi sul web, ho letto Blog di utenti internauti che consigliano di non fare questo, non fare quello, non fare quell’altro, in pratica, secondo loro; non devi fare niente, devi morì. Come dice la chiesa: non fare sesso prima del matrimonio (e tutti lo fanno da millenni perché il sesso è normale e naturale farlo) non fare questo, non dire quello, non ti devi toccare, in poche parole devi morì. Bisogna vivere nella dittatura fine a se stessa, senza libertà, schiavi incondizionati, nella solitudine.

BASTA NON SE NE PUO’ PIU’, QUESTA NON E’ LIBERTA’, E’ MORTE

Capisco che non bisogna desiderare la donna d’altri (ed è giustissimo) come non bisognerebbe mai tradire la persona che si ama (più che giusto) come non bisogna uccidere, rubare, dire falsa testimonianza, e così via… Ma impedire di fare sesso è davvero il colmo, dato che proprio il sesso è uno scambio di affetto reciproco, e se fatto consenzientemente da entrambe le parti –sia lui che lei – è solo un gioco piacevole che dà gioia e felicità nell’unire i propri corpi.
Tanto parliamoci chiaro, chi cerca sesso pulito e chi lo fa prima del matrimonio, non lo pratica tanto per peccare, ma perché cerca l’affetto dell’altro completamente; che solo a parole – altrimenti – non riuscirebbe a raggiungere, se non tramite contatto fisico.

Poi vedo in giro gente triste, angosciata, delusa dalla vita, depressa, stressata, arrabbiata, ansiosa, e chi più ne ha più ne metta, tutti dipendenti dalla rete internet, da smartphone, iphone, Facebook e compagnia bella, frustrati per una vita non vissuta bene ma dipendenti da internet e cellulari; che si lasciano indottrinare dalla gente negativa sul web, e dai delinquenti della peggiore specie, fino a ritrovarsi davvero soli anche in Internet. Solitudine in rete.

Infine, quando escono da internet, non sanno più socializzare per davvero con il prossimo, si isolano in loro stessi, come bambini che muovono i primi passi nel mondo, disimparando persino il sorriso e rimanendo pervasi dalla tristezza senza più poterne uscire. Perché anche se fossero interessati a voler socializzare, non potrebbero comunque, proprio perché hanno disimparato la socializzazione passando anni di vita nel virtuale; diventando una specie di Reiètti.
La Psicologia dovrebbe investigare questo tipo di problema che colpisce (probabilmente) milioni di persone nel mondo, ed è assai evidente come problema, che sempre più persone soffrono di questi disturbi mentali.

Il problema principale sono i Blog di disinformazione, che raccontano bufale online, riconosco che sono tra i più preoccupanti, quelli che io farei chiudere a priori, ma finché funziona così la rete, chi sono io per decidere di chiudere eventuali Blog ?
Appunto non sono nessuno, quindi mi faccio i fatti miei e dico soltanto di documentarti sulle fonti giuste e non sbagliate. Opta per queste riviste che escono in Edicola e che riguardano proprio la Psicologia Clinica.

  1. Riza Psicosomatica (Mensile)
  2. Psicologia Contemporanea (Bimestrale)

Qualora in futuro non dovessero uscire più, cerca altre riviste di Psicologia clinica o comunque psicologia self-help per tutti in Edicola, così da trovare ciò che cercate.
Se eventualmente l’edicola non dovesse esistere più, cerca siti internet autorevoli che riguardano la Psicologia, così da rimanere informato sui nuovi disturbi mentali sul nostro preoccupante futuro; ovvero il tuo presente, l’epoca di quando io (autore di questo Blog) non esisterò più.

CIAO