Dating non incontri

Mi sono iscritto su “Badoo” incontri, ho messo la foto, ho inserito i dati e ho cominciato a circumnavigare all’interno di questo sito pericoloso; e morale della favola…
Che delusione. Mamma mia che “tristezza“. Pieno de Mignotte, di Transessuali, Gay, profili falsi, gente che non risponde, l’immondezzaio più assoluto riversato su Badoo; e chi lo frequenta è abituato ai bassifondi della rete.
Se debbo essere sincero pensavo di trovarmi di fronte qualcosa di meglio, ma non credevo davvero di trovare solitudine e gente poco seria. Tra l’altro non mi sono mai fidato ad incontrare qualcuno dal virtuale al reale con questi sistemi di Dating Online; anzi, mi ci sono sempre un po’ iscritto per noia e per vedere come funzionano ste stronzate sul web. Dato che ne parlano tanto bene tutti quanti, allora ho voluto provare a entrare anche io su uno di questi siti web tanto in voga.

Sono arrivato alla conclusione, che chi pubblicizza notevolmente bene il sito web asserendo di essere uscito con le donne conosciute su tale sito, probabilmente lavorerà nell’affiliazione del dating online; lo fa esclusivamente per monetizzare tramite persone che si iscrivono pagando un abbonamento. Naturalmente sto scrivendo per “opinioni” si intende, perché altrimenti non si spiega come mai nessuna risponde ai messaggi, e lo fanno solo in un numero molto limitato e ristretto. E’ un evento raro se qualcuna risponde, si rischia seriamente la solitudine da Dating online.

Comunque ad essere famoso Badoo lo è davvero sul web, secondo i dati statistici di “Alexa Rank“, pare essere collegato con oltre “3.130 Backlink”, che secondo me è poco, dato che le pubblicità potrebbero averle fatte tramite TV o Radio, essendo una pubblicità alternativa ad internet porta comunque i suoi risultati.
Secondo la classifica Italiana di google si trova collocato al 196 esimo posto, (buono) mentre per la classifica mondiale, attualmente è al 650 esimo posto. (Ottimo).

Resta comunque un problema il sito, (a parere mio personale) perché è un’accozzaglia di gente non interessata a conoscere seriamente, iscritta per perdere tempo con le stronzate. Ad esempio le donne sono quelle maggiormente bombardate dai messaggi degli uomini, mentre proprio il sesso maschile non è preso molto in considerazione, se non dall’estero. Personalmente non mi va di conoscere gente che vive nelle Philippine o in altre parti che non sono l’Italia e/o Roma, perché di viaggiare non mi va. Di inviare denaro a chicchessia non mi va. Di andare su skype con il rischio di farmi registrare di nascosto per poi farmi ricattare non mi va. Entrare in discussione con qualche pazza, che vuole a tutti i costi il mio numero di telefono; per farci che cosa non si sa, non mi va. Farmi prendere di mira da qualcuno che si spaccia per una lei non mi va; ed infine cercare di parlare con i fantasmi che non rispondono mai non mi va.
Morale della favola: questo sito non mi garba affatto, lo reputo non molto sicuro per gli incontri online, e soprattutto mostruosamente pericoloso.

Infine ho dato uno sguardo alla gente iscritta e francamente scrivendo non mi ispira molta fiducia, dato che i profili che ho potuto guardare, sono gestiti per lo più da gente fortemente disturbata, (si vede anche dagli occhi e dalle espressioni facciali) maniaci, escort, prostituzione e i peggiori bassifondi della rete. Non mi fido, mi spiace davvero.

MEGLIO SOLI CHE MALE ACCOMPAGNATI

Se eventualmente dovessi decidere di iscrivermi in un’Agenzia Matrimoniale, sono sicuro che direbbero: << Finalmente hai deciso di venire da noi, è ? qui troverai solo la serietà e i veri incontri con persone serie e decise, non le stupidaggini dei dating online frequentati da gente pericolosa >>. Mi sa che mi accoglieranno così.

Ciao!

Emarginazione

La nuda e cruda realtà dei fatti

DOVE GLI PSICHIATRI NON ARRIVANO I DISPERATI MUOIONO

Cosa significa ?
Da come lo interpreto io vuol dire, che se non hai una “posizione nella vita“, non ti aiuta nessuno, ti lasciano morire. E se eventualmente non hai i soldi nemmeno per farti aiutare psicologicamente, sei semplicemente “dimenticato” e perduto.

DIMENTICATO DALLA SOCIETA’

Hai notato le persone posizionate come vivono ?
Hanno praticamente tutto e niente, forse il denaro non farà la felicità (senza ombra di dubbio) ma a morire di fame non muoiono. Pensa, hanno persino il denaro per andare a puttane a pagamento, (per fare un esempio fittizio) qualora dovessero trovarsi senza donne e in astinenza per diversi mesi e anni; anche se la prostituzione non risolverà comunque i loro problemise pur si sfogheranno dall’astinenza sessuale.
Tuttavia, chi ha tutto, ha persino il denaro per “curarsi“, per “viaggiare” e per godere le “gioie” della vita; per farsi una famiglia e avere figli non sarà comunque un problema.

Chi invece non ha niente, non ha nemmeno la dignità di vivere la vita, non ha la possibilità di uscire con le donne, perché quest’ultime vanno cercando l’uomo con un lavoro e con un reddito soddisfacente per potersi creare una vita insieme. In pratica alla fin fine, se sei “povero“, sei destinato a morire, oppure a frequentare altri poveri come te per poter resistere alla solitudine della povertà stando in comunità.

IL LAVORO NON ESISTE PER I POVERI, MA PER I RACCOMANDATI E GLI IMMIGRATI SI

Cosa strana vero ?
Per i poveri (quelli veri, che non hanno i soldi per un paio di scarpe) il lavoro non esiste, più che altro vengono “sfruttati” lavorando gratis, o comunque con una paga molto “bassa e misera“, perché probabilmente considerati alla “stregua” del loro “valore“. Mentre invece gli emarginati non “raccomandati“, in genere sono trattati male, con disprezzo, emarginati persino sul posto lavorativo dai loro stessi colleghi, trattati con arroganza, come ultima ruota del carro devono sgobbare per pochi spiccioli.

Intanto ascoltiamo le chiacchiere della gente che si “vanta” della bella automobile appena acquistata tanto per far vedere quanto si trovano bene economicamente

Si vantano del buon cellulare, del sesso che praticano con tutte le donne che vogliono e queste che si buttano a capofitto tra le loro braccia al grido di: Evviva il Denaro.

ESISTONO ANCHE QUESTI PURTROPPO

E come non citare chi si vanta di avere tutto: computer portatili, PC fissi da casa, viaggi, aerei privati, fino ad arrivare alle cose più riprovevoli per il denaro che hanno: orgie, scambi di coppie, frequentano bordelli, e tutto perché hanno tanti di quei soldi che non sanno più come buttarli; fino ad arrivare persino all’abbigliamento elegante o casual esagerato e di marca, con scarpe che costano un patrimonio pur di seguire la moda della società odierna. Con la differenza che al di là degli oggetti e degli indumenti, sotto l’aspetto del valore morale di individui; non valgono niente, perché vivono solo per il denaro. Una vita da miserabili.

Niente di più e niente di meno

FRUSTRAZIONE PER UNA VITA NON VISSUTA COME SI DEVE

Quando fai tutto quello che è in tuo potere fare per vivere, e ti rendi conto che non hai niente, nemmeno la tua dignità e integrità sociale, allontanato da tutto e tutti, emarginato dalla società perché sei realmente povero nel lavoro, nella vita sociale, negli affetti, nell’amore, nei sentimenti, nella mancanza di autostima; e vivi come se dovessi morire “domani“, per poter “fuggire” da questo mondo che non ti lascia vivere come tu desideri, e che se anche chiedi “aiuto” tanto non te lo fornisce nemmeno il CLERO; ti rendi conto “veramente“, che l’unica soluzione che rimane a tutto questo sconforto è la “solitudine“. Ovvero (in poche parole) la morte morale.
Ti senti demoralizzato, perduto, allontanato da tutti, la gente ti guarda con sgomento, ti vedono sempre solo, triste, che non riesci ad uscire dai tuoi problemi da vent’anni, che non riesci a trovare una compagna o degli Amici, perché sai benissimo che la gente cerca persone “posizionate“; altrimenti niente Amici e niente Donne (come dicevo in precedenza), e quindi capisci da te, che pur cercando di “socializzare” con qualcuno, non ti riesce comunque, perché da vent’anni a questa parte sanno che sei un povero uomo; e per giunta trattato da poveraccio da tutti e tutte.
Quando chiedono informazioni sul tuo conto, e gli rispondono che sei un “povero uomo” non valorizzato, non vieni più salutato da nessuno, ma allontanato; perché classificato come un “reiètto” senza dimora. Senza nessuno. Solo al mondo.

Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori. Gesù.

QUANDO NON CONTI NIENTE SEI SEMPLICEMENTE PERDUTO E DIMENTICATO

Ti vedono sempre in solitudine ma nessuno si avvicina a te nemmeno per un buon giorno, o per un ciao. Semplicemente non conti nulla, sei solo con te stesso. E quando cominci a parlare da solo per cercare di sfogarti perché non hai nessuno con cui parlare, ti cominciano a vedere davvero “matto” (e in effetti) nel vero senso della parola.

Le lacrime ti consumano, piangi singhiozzando implorando un DIO di aiutarti, quando capisci da te che DIO non ti aiuta, nessuno ti aiuta se non ti aiuti da solo.
Non ci sono più i valori di un tempo, le donne di oggi sono cambiate, una buona parte dopo aver trovato marito, lo cornificano con un altro uomo; (come del resto gli uomini, che hanno sempre cornificato la propria lei con un’altra donna, o con una transessuale) e tutto perché un po’ lo dice la “società“, la “moda“, “internet” e cazzate varie; e un pò perché per natura, l’uomo, l’ha sempre avuto da millenni questo comportamento.
Per non parlare poi della moda dei tatuaggi e dei piercing, dato che un tempo se li facevano i “galeotti“, oggi invece è di proprietà di tutti: porci e cani. La vita oggi fa veramente schifo. Il porno è dilagante e gratuito sul web, la dipendenza da pornografia cresce a dismisura, come crescono i centri di disintossicazione dal Porno; insomma, stiamo sprofondando nel declino più totale della nostra società di merda.

Gli uomini si approfittano di chi non ha niente, e la gente per bene, quella veramente brava, si contano sulla punta delle dita, purtroppo emarginati anche loro (a modo loro) perché non seguono l’onda della nostra società. Anticonformisti.

Poi se te ne esci dicendo che ami un certo tipo di donne particolari, senza tatuaggi e senza piercing, non in sovrappeso, non depilate nelle zone intime del loro corpo, braccia o sotto le ascelle, ti prendono pure per matto; quando un tempo, il pelo ascellare; andava veramente di moda persino in televisione negli anni 1960.
Basti notare film quali: la dolce vita di Federico Fellini, Totò, Alberto Sordi, Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Silvana Mangano, Monica Vitti, Sandra Milo, Stefania Sandrelli, Valentina Cortese, Virna Lisi, Gina Lollobrigida, Claudia Cardinale e tanti/tante altri/altre ancora; dove recitavano attrici, che per l’epoca, la pelosità femminile era un fatto del tutto normale.

Ed io amo la donna pelosa tutta naturale al 100%

Alla fin fine, per terminare questa lunga pappardella di Post di Blog scritto da me, posso solamente dire, che “non trovare la felicità” è possibile soprattutto senza un “lavoro” che da da vivere. (Anche se esistono persone, che pur lavorando, sono comunque sole nella vita) Gente senza stipendio mensile che assicuri un futuro non si può vivere, e senza Amici e Amore che possano garantire stabilità emotiva e autostima per affrontare meglio la vita è davvero un problema. Senza il divertimento, senza la possibilità di (eventualmente) curarsi per qualsiasi cosa; la morte è decisamente certa, soprattutto quella “morale” e forse anche quella “fisica e mentale“. Che il Governo possa ridare “dignità” e “integrazione” lavorativa alle persone “disagiate”, “povere” e aiuti gratuiti a gente che non ha più niente nella vita; nella speranza che il popolo Italiano si possa istruire, studiando e/o leggendo libri (allontanando l’ignoranza) per poter capire che nella vita non bisogna allontanare nessuno, ma integrare in società la gente debole.

Per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito ? – Gesù –

Con il denaro e il potere, fanno a gara ad apparire più belli e belle fuori, mentre dentro non valgono niente. Riempiono le loro case di scorte di cibo, acqua, viveri, come Bunker Antiatomici, ma sotto sotto non valgono niente. Non desidero ripetermi mille e più volte, non amo la retorica, ma solo per precisare che acquistano oggetti tra i più cari, sbandierano ai quattro venti le migliori automobili, si vantano di guadagnare fior di quattrini; ma sotto sotto (l’aspetto morale) sono persone che non hanno niente, non hanno valori, non hanno dignità e umanità.
Si vantano di avere tante amiche donne e di amare la loro compagna di vita, ma poi sotto sotto, alla prima occasione, tradiscono come bere un bicchiere d’acqua.
Si vantano di viaggiare in tutto il mondo, dicono che non gli frega niente dell’italia e degli italiani, pretendono di voler vivere all’estero, ma non possono perché lavorano in Italia; e nemmeno fanno qualcosa per andare via da questo paese.

A chiacchiere non andranno molto lontani, rimarranno fossilizzati qui fino alla morte.

Fai più bella figura stando zitto, anziché raccontare fesserie

IL VIZIO DI LAMENTARSI


Un’altra bellissima frase di Cristo:

È venuto infatti Giovanni il Battista che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: “Ha un demonio“. È venuto il Figlio dell’uomo che mangia e beve e voi dite: “Ecco un mangione e un beone, amico dei pubblicani e dei peccatori“. Gesù.

Significa che le persone hanno sempre qualcosa da dire e ridire, giudicano tutti e nessuno che si fa i fatti propri, non gli sta mai bene niente.
Bellissima la frase di Cristo su Giovanni il Battista. A proposito, hai cliccato su Giovanni il Battista (il nome evidenziato in blu e sottolineato) per sapere chi era ?

Per chi fosse credente in DIO e interessato a pregare questo Santo, è invitato a farlo cliccando qui.

Quindi se fossi interessato a farmi accettare dalla società odierna, e da quello che vuole la gente del 21°secolo, dovrei uniformarmi a tal modo di pensare così: denaro, potere, puttane, transessuali, lussuria, ignoranza, e ingordigia. Oppure come è scritto nelle “Sacre Scritture“, citando I SETTE VIZI CAPITALI: Superbia, Avarizia, Lussuria (già citata poc’anzi) Ira, Gola, Invidia, Accidia. Perché la società vuole questo, compresa la pornografia gratuita in internet, che sta destabilizzando in modo inverosimile l’uomo di oggi portandolo sulla strada del peccato e della vergogna. Allora forse sarò accolto anche io nella nostra società degradata, anziché continuare a comportarmi da anticonformista come ho sempre fatto, perseguendo la strada della civiltà (l’essere civile e rispettoso nei confronti del prossimo) rischiando la solitudine e l’emarginazione.

SI, SONO UN RIBELLE

Anticonvenzionalismo, originalità, sono contro i tatuaggi, i piercing, la depilazione della donna e dell’uomo contro natura, contro le mode, il trucco, contro la gente cattiva, la delinquenza, contro le bufale di qualsiasi tipo, contro le truffe, contro chi discrimina e uccide, contro chi vuole a tutti i costi infondere idee sbagliate che portano fuori strada; sono contrario ai pregiudizi, contro chi disprezza il prossimo, contro chi vuole imporre una politica sbagliata, contro chi umilia e ruba, contro chi manca di rispetto e inventa malattie che non esistono. Anche quelle psichiatriche. CCDU. Eccetera.

Gesù disse: se hanno perseguitato me perseguiteranno anche voi.

I migliori Aforismi su Gesù.

I MIGLIORI LIBRI CHE INVITO A CERCARE
ISTRUITEVI

  1. Pensa Positivo di William Glasser (Psichiatra Americano)
  2. Vincere la Timidezza di Fred Orr (Psicologo Australiano)
  3. EDUP (Edizioni dell’università popolare)
  4. Depressione (Macro librarsi)
  5. Franco Angeli (Buoni libri che aiutano a capire la vita)
  6. Feltrinelli (Accultura la tua mente leggendo tanti libri)
  7. Mondadori Libri (I migliori libri che istruiscono)
  8. Galateo (Cerca libri sull’arte del buon vivere che trattano di Galateo)
  9. Educazione Civica (cerca libri su questa materia di studio fondamentale)

Leggi per tutta la vita senza smettere mai, l’istruzione è la tua migliore arma di difesa contro l’ignoranza fine a se stessa