Basta Videogiochi a 40 anni

Salve a tutti, ormai come avrete notato non scrivo più molto come prima di post in post, causa problemi agli occhi che mi sono venuti dopo anni di utilizzo del computer (ho iniziato nel 1982 ad appassionarmi del commodore64 per poi seguire tutta una serie di computer successivi), vuoi per problemi inerenti alla mia famiglia (un padre alcolista e matto che non ragiona più e dimentica tutto ogni parola che gli si dice), vuoi per la depressione che sto vivendo da 9 anni a questa parte, vuoi una serie di altri eventi negativi nella mia vita, vuoi per le miodesopsie che mi infastidiscono quando sto al computer; insomma… In poche parole alla fine ho preferito staccare la spina e dire basta al PC (Personal Computer).

Ho nel PC installati un po’ di vecchi giochi (retro-games: avventure grafiche, strategici, manageriali e via dicendo) ma non li gioco più, se lo faccio è solo raramente (mi annoiano molto) e quando mi capita di giocarci sento dentro me una sorta di malinconia e depressione a livelli imperscrutabili, perché sono giochi molto vecchi che risalgono al 2003 (quando avevo 28 anni di età).
Erano altri tempi, più giovane, in forze, lavoravo come impiegato ASL e psicologicamente stavo meglio (mentre mio padre non era malato come oggi), così quando gioco a questi vecchi videogames mi sento ancora più depresso di ora, mi smontano molto psicologicamente.

Tra i miei preferiti che ogni tanto in modo raro li rigioco sono: Space Colony (gioco manageriale dove lo scopo è quello di costruire una colonia spaziale per poi difenderla da eventuali attacchi alieni) SimCity4 (Fare il sindaco di città, costruire strade, zone residenziali, industriali e commerciali, amministrare tasse e via dicendo, non c’è guerra ma solo costruzione di città) Command&Conquer3 Tiberium Wars (vecchio videogioco strategico dove lo scopo è quello di distruggere il nemico, la visuale è in stile Risiko con la mappa dall’alto, ma volendo è possibile anche zoommarla o ruotando la mappa per 360 gradi, così da osservare le zone nascoste dietro alle colline o montagne) Tropico4 (vecchio gioco di edificazione città in un’isola tropicale molto simile a SimCity4) e qualche avventura di Benoit Sokal e altri.. Nel complesso mi sono scocciato di giocare al computer da solo come un cane.

A 40 anni di età compiuti il primo maggio 2015 sento la necessità di una compagna, ho tanto bisogno nella mia vita di una donna che mi capisca, mi mancano gli abbracci, i baci, le carezze, il profumo di lei, la sessualità, le coccole, queste forme di affetto e tenerezza che sono al compiacimento del rapporto di coppia sono assenti nella mia vita, mi fa soffrire tantissimo il fatto di non avere una compagna con cui parlare di tutto e condividere le cose assieme. Ricordo ancora sotto Agosto del 2014 con Anna (conosciuta nella Regione Abruzzo) lei Rumena dopo 4 giorni di conoscenza siamo finiti entrambi a letto, ma non fu Amore solo una semplice Avventura, però mi piacque molto e scoppiai in lacrime tra le sue braccia come un bambino (me lo ricordo ancora come fosse ieri) quando mi disse perché stavo piangendo, io risposi: < < perché era da tanto che non ricevevo più un abbraccio e una carezza, mi mancava molto >>.

Se debbo essere sincero tante cose non vanno più nella mia vita, ho smesso persino di lavorare con internet, mi sono parzialmente ritirato dal web, troppe truffe informatiche, troppa gente cattiva e malavitosa sul web pronta a fregarti in qualsiasi momento, è tutto troppo difficile, non è più come un tempo che era molto più semplice lavorare online; più andiamo avanti e più diventa complicato; quindi… Ma chi me lo fa fare a buttare i miei soldi e il mio tempo con la rete internet ? – Buon Proseguimento di giornata!

Traffic Rammer

Iscriviti anche tu su questo manualsurf per ottenere visibilità planetaria a basso costo o gratuitamente.

Tragedie

Che tristezza che è la vita a volte, tre settimane fa il mio gatto mi precipita dal quarto piano fino a terra, miracolosamente si è in parte salvato, lo portiamo dal veterinario e scopriamo la zampa sinistra fratturata e il bacino spaccato; così decidiamo di farlo curare dal veterinario, rimane per tre settimane in cura dentro una gabbia perché impossibilitato a muoversi, spesso andavamo a trovarlo.
Ora è a casa, ma ingestibile, si è ripreso in forze e non riesce comunque a muovere la zampa, perché paralizzata, in un modo o nell’altro però piano piano si sta riprendendo; domani mattina lo debbo portare dal veterinario per fargli fare una visita, ho notato qualcosa che non va nella zampa fratturata con il chiodo dentro che gli ha messo il veterinario.

In più ci si mette mio padre alcolizzato da sempre, ingestibile, non vuole curarsi, ci sta facendo passare i guai a casa, dimentica ogni cosa dopo 5 minuti che l’ha pronunciata, e secondo il suo neurologo ha confermato che mio padre ha un inizio di alzheimer; davvero orribile come situazione.

Non sopporta nessuno, l’alcol lo rende malvagio e molto cattivo, fortunatamente non è violento, è molto permaloso e indisponente in tutto, continua a bere bottiglie di vino e superalcolici a livelli fuori controllo; è ingestibile e non riusciamo più a controllarlo, si spazientisce in una frazione di secondo e come se non bastasse tutto ciò, è anche maledettamente agitato e irrequieto per via dell’alcol; è davvero una brutta situazione.

Mia madre è cardiopatica, si sta ammalando anche di depressione con un marito “pazzo” vicino e che non la fa vivere, io che non s’ho più a quale santo rivolgermi per farmi aiutare a superare questa situazione, il gatto così, mio padre colà, mio fratello che sta perdendo il lavoro per via della crisi, e che non guadagna più niente come rappresentante di un noto giornale di Roma, io che mi sono arreso con internet perché la situazione Italiana non offre la possibilità di guadagnare con la rete (mi sto cercando un lavoro al di fuori del PC ma invano, mi chiedono l’età, e dopo che l’hanno saputa mi rispondono che sono troppo grande per lavorare, ma vaff..) e che alla fine di tutto quello che ho scritto, devo ammettere che mi sono rimesso a leggere romanzi di Fantascienza e riviste di psicologia, notizie, altro; perché mi fanno compagnia, mi distraggono da questa terribile situazione che sto vivendo in questa casa e il lavoro che non c’è.

L’unica cosa che mando avanti è questo Blog di notizie, perché come Blogger mi dà modo di distrarmi e di coltivare il mio Hobby sulle news che tanto amo, sulle opinioni che desidero scrivere (è un blog normale, notizie, opinioni e qualcosa sullo shopping) e segnalo qualche bel libro che ho letto, un bel film completo da vedere, un bel link che ho visitato e così via.. Tutto qui.

Comunque da un p’ho di tempo si sta facendo largo nella mia mente l’idea di aprirmi un Blog Porno in totale anonimato, lo farei solo per disperazione, perché in base alle ricerche su google (parole chiave) come scrissi qualche giorno fa, la gente effettua oltre 9 milioni di ricerche mensili su google sulla parola pornografia; se mi ci butto in mezzo ma sai quante visite ci alzerei in 1 anno ?
Tanto di maiali che circolano in rete e che cercano Porno per masturbarsi davanti al PC ce ne sono molti, di gente zozzona poi non ne parliamo proprio, il web ne è pieno, e questi portano parecchi quattrini, soprattutto se dopo un annetto di pubblicità uno inserisce un affiliazione Porno che fa monetizzare bene, risolverei il problema della mancanza di lavoro.
Mi rendo conto che ci perderei in etica professionale lavorando nel Porno (tu che leggi) ma di un p’ho, lo faresti se rimarresti sul lastrico senza avere la speranza di un futuro migliore?. Non ti sto dicendo di fare l’attore Porno, ci perderesti la faccia, sto dicendo di aprire un Blog e condividere filmati da youporn creandoti una nicchia particolare, ad esempio su un argomento preciso, tipo… inculate ?, tanto per spararne una !!! Bah.. !!!! vedremo, non è neanche detto che lo faccio, comunque il pensiero l’ho avuto, questo si.

Mi voglio lamentare prima di chiudere questo Post sugli ebook scritti da presunti scrittori pseudo fanfaroni, che dovrebbero insegnare a guadagnare online e che invece guadagnano solo loro che hanno scritto il libro.
Tempo fa scrivevano quanto era facile guadagnare con la rete partendo da zero (che poi invece era difficile e complesso anche all’epoca di quando li lessi) ora invece sui libri di oggi, scrivono che non garantiscono il successo sperato (evidentemente si sono accorti a distanza di anni, che la crisi è talmente devastante in Italia, che la gente si è stancata di leggere ebook che non insegnano nulla) quindi tu in pratica spendi denaro per comprare il loro libro che tratta (esempio: “SEO”, che dovrebbe insegnarti ad ottenere visibilità dalla rete) per poi ottenere “ZERO” indicizzazione, perché chi ha scritto il libro, ti consiglia che devi spendere denaro in campagne pubblicitarie sul web; e allora a che cazzo serve acquistare queste letture che dovrebbero facilitarti il lavoro su internet quando invece ti spillano altri soldi dalle tasche per le loro sporche campagne pubblicitarie ?
A che serve il manuale di apprendimento in formato Ebook di Self-Help che non insegna niente ? Te lo dico io a che serve, è utile per l’Autore che ha scritto il libro, così da guadagnare su di te, ecco a che serve.
Per me possono andare falliti a vivere sotto i ponti, perché dopo tutti i libri che ho letto, non ho imparato poi così tanto sulla pratica, solo “teoria“; ne s’ho più io che ho imparato come autodidatta, che loro che non sanno scrivere libri. STI STRONZI.

Arrivederci e Buona Giornata