Amore e Tolleranza

AMORE E TOLLERANZA

Salve a tutti nuovamente, oggi parlo di Amore, e Tolleranza. Si perché quando si ama una persona, in amore bisogna essere tolleranti verso l’altro e progettare costruttivamente la vita di coppia; che implichi per l’appunto la costruzione di una vita insieme. Lavoro (economia) Divertimento (svago) Famiglia (figli) Convivenza e molto altro ancora, condividendo il rapporto di coppia e lavorando insieme per un fine comune; qualora si dovesse decidere insieme.

Ma quando uno dei due è intollerante e in disaccordo con l’altro, ecco scattare subito il rapporto di solitudine nella coppia. Ci si ama ugualmente, pur non riuscendo comunque a concretizzare nulla di buono vivendo insieme.

L’OPPRESSIONE DEL RAPPORTO DI COPPIA

Lo riconosco, l’amore è tolleranza, se ami una persona (dopo la fase iniziale dell’innamoramento) potrebbero insorgere problemi legati al comportamento di coppia, eventuali liti, discussioni e conversazioni fanno parte del rapporto d’amore, che tuttavia sono cose importanti perché aiutano a capire l’altro, a rapportarsi con l’altro, a fondersi con l’altro; è più che altro un discorso empatico (empatia) entrando dentro l’altro psicologicamente fino a capirne le emozioni; tutto questo si impara con l’esperienza vivendo il rapporto di coppia.

Se ti senti oppresso da una relazione sentimentale con la sensazione di non sentirti libero di vivere la tua vita, allora dovresti parlarne con l’altro, e cercare una soluzione per vivere un rapporto di coppia più aperto. Ovvero, avere la libertà dei tuoi spazi personali in casa; così da non sentirti oppressa dall’altro.

L’AMORE E’ TOLLERANZA, MA NON SOLO QUESTA, E’ ANCHE ACCONTENTARE L’ALTRO ALMENO SU UNA COSA O TUTTE LE COSE INSIEME

Quando due persone vivono un rapporto d’amore, ed entrambi condividono gli stessi interessi di vita (o quasi), potrebbe capitare che uno dei due voglia qualcosa dall’altro, (e non sto parlando di Amore, Sentimenti e/o Passioni, ma qualcosa) in termini di “sesso” o all’estetica del proprio corpo o all’abbigliamento.
Ad esempio: se fossi innamorato di una donna che ama vestire di “nero” senza un minimo di colore, che vorrebbe tatuarsi e farsi piercing o addirittura depilarsi completamente per apparire (secondo lei) più femminile, ed io non approvo il suo modo di pensare e di fare, cercherei il più possibile di discutere di questo argomento con la mia lei, e cercherei di adeguarla al nostro rapporto di coppia.
Altro esempio, gli direi: Io non “pretendo” da te e ne voglio “costringerti”, quindi “ti rispetto”. Ma su una cosa devi “accontentarmi” se davvero “mi ami.

ACCONTENTARE L’ALTRO SE DAVVERO LO AMI CON TUTTA TE STESSA

Se io non desidero che la mia donna vesta di nero come ad un funerale, e che vorrebbe seguire modelli sbagliati della televisione tatuandosi il corpo, le braccia, le gambe o bucando la propria pelle con i piercing, (cosa che non ho mai approvato dato che amo la donna naturale al 100%) cercherei di farle comprendere che la preferisco “naturale“, anzi che seguire uno “stereotipo” di donna sofisticata e adeguata alla “moda” che io non apprezzo nella mia partner. Si, perché in “primisho sempre odiato i tatuaggi, e non sopporto i piercing nella donna, quindi per me è praticamente impensabile un rapporto del genere con una che ha le braccia siringate con inchiostro indelebile su quasi tutto il corpo; o su alcune parti del corpo. Oltre a trovarlo ripugnante, lo trovo anche squallido e degenerato. Ma questa è una mia interpretazione personale.

Inoltre non amo la donna depilata sulle braccia e sotto le ascelle, la amo pelosa, quindi almeno su questa cosa (se veramente ella mi dovesse amare) deve accontentarmi, sacrificandosi per amor proprio verso il suo compagno di vita. Verso me.
L’amore è rispetto e tolleranza, come io potrei tollerare ad accettare le sue cose, portando comunque tolleranza verso la mia compagna di vita, accontentandola su ciò che vuole da me, anche ella deve accontentarmi su cose lecite che desidero da lei; questo è vero Amore di coppia.
Quindi non stiamo parlando solo di rispetto reciproco, ma anche di fare qualcosa per l’altro per farsi felici a vicenda.

DONNA, TI DEVI “ADEGUARE” E “CONFORMARE” AL TUO LUI, CHE TI PIACCIA O NO, LO DEVI FARE.
SU “UNA COSA”, SE LO AMI DAVVERO, LO DEVI “ACCONTENTARE”, COME LUI “ACCONTENTA” TE IN TUTTO.
AMARE SIGNIFICA ANCHE E SOPRATTUTTO QUESTO.

LUI FA TUTTO PER TE, E TU NON RICAMBI IN NIENTE PER LUI, NON PUOI DIRE CHE FRA VOI CI SIA AMORE. RISPETTO RECIPROCO FORSE SI, MA PER QUANTO RIGUARDA IL SESSO CI SONO TROPPI TABOO, E QUESTO NON VA BENE. LA LIBERTA’ DI PENSIERO E’ COSA BUONA E GIUSTA.

LIBERTA’ DI PENSIERO NON SIGNIFICA CORNIFICARE L’ALTRO O DEDICARSI A COSE ESTREME, MA SEMPLICEMENTE VUOL DIRE, RENDERE FELICE L’ALTRO NEL RISPETTO RECIPROCO; FACENDOLO CONTENTO ALMENO SU UNA SUA RICHIESTA O PIU’. SOLO COSI’ L’AMORE TROVERA’ LA SUA MASSIMA ESPRESSIONE NELLA COPPIA.

Perché altrimenti se uno/una dei due comincia a mettere in discussione qualunque cosa dell’altro, dicendo: << no amore mio, non mi conformerò mai a quello che dici tu, voglio essere me stessa e basta, però ti voglio bene e mi fa piacere stare con te >> questo è EGOISMO, e c’è una falla nell’amore. Significa che stai con me tanto perché hai bisogno di un Amico intimo e non di un compagno di vita vero e proprio; perché l’amore vero, è anche sacrificarsi per l’altro, rendendolo felice almeno su una cosa.

Lo chiesi al mio psicoanalista quando stavo male con la depressione, cosa ne pensasse di questa cosa, rispondendomi: << Qualora una donna dovesse pronunciare parole tipo: “ti voglio bene” anzi che “ti amo”, significa che non prova tutto questo amore verso il proprio compagno di vita >> Se io non desidero che la mia donna vesta in un modo che reputo squallido, e gli chiedo la gentilezza di vestire “casual“, vorrei che mi “accontentasse”, perché uscire con una vestita da funerale per tutto l’anno, a me non piace, mi fa sentire a disagio.
Una così si dovrebbe fare un’esame di pensiero, e dirsi parole tipo: << sto davvero facendo felice il mio uomo, come lui fa di tutto per non farmi mai mancare nulla nella mia vita? >> a questo punto è inutile che ci sto insieme, non serve a niente.
Accettare l’altro quando proprio l’altro non corrisponde alle nostre aspettative di vita, è davvero frustrante.

Fai di tutto per adeguarti a tale situazione, ma ti rendi conto che vivi una condizione di instabilità con una che vive solo per se stessa e non anche per l’altro; tanto vale essere single che male accompagnati.

UNA DONNA NON DEVE TRADIRE IL PROPRIO UOMO, COME UN UOMO NON DOVREBBE MAI TRADIRE LA PROPRIA COMPAGNA DI VITA.
L’AMORE E’ TOLLERANZA, E CONDIVIDERE LA VITA CON UNA PERSONA, SIGNIFICA APPREZZARE L’ALTRO PER CIO’ CHE EGLI E’.
ACCOGLIERE I SUOI DIFETTI, I SUOI PROBLEMI, IL SUO MODO DI FARE L’AMORE, IL SUO MODO DI ESSERE, I SUOI DESIDERI, LE SUE PASSIONI, I SUOI PENSIERI; E CERCARE DI VENIRE INCONTRO ALLE SUE RICHIESTE, COSI’ COME L’UOMO VERSO LA SUA LEI.
L’AMORE VUOL DIRE ANCHE QUESTO.

L’AMORE NON E’ TRADIMENTO

L’AMORE NON E’ MARTIRIO

L’AMORE NON E’ ILLUSIONE

L’AMORE NON E’ CATTIVERIA

L’AMORE NON E’ TRASGRESSIONE

L’AMORE NON E’ MERDA

L’AMORE E’ SESSO

L’AMORE E’ RISPETTO PER L’ALTRO

L’AMORE E’ CAPIRE L’ALTRO

L’AMORE E’ AFFRONTARE LA VITA INSIEME ALL’ALTRO

L’AMORE E’ GELOSIA PER L’ALTRO

L’AMORE E’ VIVERE SEMPRE INSIEME

L’AMORE E’ AMARSI E CAPIRSI VICENDEVOLMENTE

L’AMORE NON HA SEGRETI PER LA COPPIA

L’AMORE E’ APERTURA DI IDEE E PENSIERI INSIEME

L’AMORE E’ COMPAGNIA E VITA

L’AMORE E’ FANTASIA

L’AMORE E’ TUTTO

Diversità

Non sarò mai come te

Questo è il punto di tutto ciò che sono alcune persone su questo mondo. (tanto per voler aprire un discorso sociale). Esistono individui che riescono a socializzare in modo naturale con donne e uomini, e ci sono persone più timide e introverse che trovano difficoltosa la socializzazione di per se, questo dimostra quanto il genere umano è composto prevalentemente da individui aperti caratterialmente e anche chiusi.
E’ indifferente se l’individuo sia per forza un uomo anzi che una donna ad essere introverso, esistono molte donne timide che non riescono a socializzare apertamente, che creano muri davanti a loro fatti di parole negative, pretesti, ricatti, addirittura minacce, ma soprattutto di paure interne che hanno dentro loro stesse; e che li manifestano come forma di difesa personale; per evitare un approccio socievole con l’altro sesso. Un po’ (come dicevo in precedenza) per paura (forse nei confronti della vita stessa) e un po’ perché non sanno proprio socializzare.

Se si vive in queste condizioni psicologiche, è opportuno rivolgersi ad uno psicoterapeuta cognitivo e comportamentale, che piano piano e con il tempo, porti gradualmente ad affrontare i problemi della vita (parlando di seduta in seduta) cercando di superarli sotto l’aspetto psicologico.
Certo riconosco che ci vuole il tempo che ci vuole per uscire dalla timidezza, e dalla forte introversione ai rapporti sociali, ma se si ascoltano i consigli dello Psicoterapeuta, con calma e senza fretta, è possibile vivere una vita normale.

Non dobbiamo seguire modelli e stereotipi di persone diverse sotto il contesto socio psicologico, che enfatizzano il loro carattere libertino con 100 mila donne, come se fossero donnaioli; don giovanni, casanova, puttanieri e/o che non si accontentano mai di trovare una persona per poter vivere una vita normale e di coppia.
Non dobbiamo recitare parti che non ci appartengono, cercando di imitare persone che reputiamo migliori di noi, o che per tutti i soldi che hanno; non sanno godersi la vita, e si riempiono di tatuaggi indelebili in tutto il corpo, vantandosi di essere dei conquistatori.
Non dobbiamo neppure vantarci di essere belli rispetto a chi non lo è, perdendo di credibilità agli occhi degli altri. Tutto quello che dovremmo fare è essere non stessi in tutto ciò che facciamo, così da trovare persone simili a noi, che ci rispettino per ciò che siamo. E’ così che nascono le vere Amicizie nel mondo, non imitando comportamenti sbagliati, ma vivendo la vita normalmente; e cercando di frequentare persone giuste adatta a noi.

Ho notato che ci sono persone che imitano i comportamenti di chi è più estroverso, purtroppo in questo modo rischiano di non suscitare interesse per nessuno intorno a loro, perché se tu che leggi – ad esempio – ti dovessi iscrivere in palestra, e ti comporti in un determinato modo in un contesto sbagliato, potresti non suscitare interesse nella mente di chi ti circonda; semplicemente perché reciti un personaggio che non è il tuo io interiore.

Vediamo nel dettaglio come la intendo io la vita

Ad esempio: quando ti iscrivi in palestra, prima di approcciare con qualcuno, deve passare il tempo necessario per farti conoscere, e se nell’ipotesi sei una persona timida, con difficoltà relazionali, qualcuno in palestra sicuramente se ne accorgerà del tuo carattere rispettandoti, il giorno in cui conoscerai una persona, e facciamo finta ti verrà in mente di imitarlo, non sarai molto credibile agli occhi dei presenti intorno a te, rischierai di fare una pessima figura sociale; sopratutto quando tutti ti avranno visto per mesi introverso, chiuso in te stesso, e all’improvviso stai imitando la persona che hai appena conosciuto; questo ti renderà diverso e susciterà perplessità. Meglio essere se stessi aprendosi poco a poco frequentando la palestra.

Se la gente ti conosce come un tipo introverso e all’improvviso diventi estroverso, è un’impresa assai ardua farsi accettare, ma forse mantenendo il carattere aperto e conoscendo persone nuove, diverse da quelle che hai frequentato tu, allora cambierebbero i rapporti e il modo di approcciarsi a te. Ma questa è soltanto la mia opinione, nulla di più e nulla di meno.

Comunque vadano le cose, il vero segreto non è quello di frequentare discoteche per ubriacarsi, o per lasciarsi andare al divertimento più sfrenato con le puttanelle che frequentano tali locali, o cercando di imitare persone dal carattere più libertino, (Libertino nel senso di un individuo di mentalità aperta che si concede come una prostituta a chiunque, tra droga, alcol, discoteca, tatuaggi, piercing, deturpando il proprio corpo e frequentando gente poco raccomandabile, conducendo una vita comunque disordinata); il vero segreto, è vivere la propria vita, cercando di ottenere il massimo di giorno in giorno; a seconda delle proprie capacità sociali.

Quello che serve veramente nel vero senso della parola, è come sei TU e non come sono gli altri. Ogni persona è unica a se stessa in base al suo e al tuo carattere, perché soltanto in questo modo riuscirai ad incontrare la persona giusta come te, che la penserà a modo tuo, condividendo il tuo pensiero e rispettandoti apprezzando le tue qualità per quello che vali tu come persona. Solo in questo modo (frequentando) potrai trovare persone che ti ameranno e ti vorranno conoscere e frequentare; è soltanto così che nasceranno le vere Amicizie. Comunque sappi che qualunque ambiente frequenterai, troverai sempre qualcuno adatto a te in base alla tua personalità e carattere, fra tanti individui diversi ed estroversi; troverai colui o colei che si approcceranno meglio a te che a chiunque altro. I veri Amici si trovano così, scegliendo le persone giuste.

Un altro Esempio

  1. Sei un tipo a posto ? chi cerca trova. Troverai qualcuno come te.
  2. Sei un tipo strano ? chi cerca trova. Troverai qualcuno come te.
  3. Sei un gay ? chi cerca trova. Troverai sicuramente un gay.
  4. Sei una Lesbica ? chi cerca trova. Troverai una lesbica.
  5. Sei un Bisex ? chi cerca trova. Troverai qualcuno come te.
  6. Sei una Trans ? chi cerca trova. Troverai qualcuno come te.
  7. Sei un uomo che cerca Trans ? chi cerca trova.
  8. E così via…

Facciamo esempi più particolari, ambigui e strani

  1. Cerchi una persona per annunci ? chi cerca trova. La troverai.
  2. Sei un poco di buono ? chi cerca trova. Troverai quelli come te.
  3. Sei un uomo amante di donne pelose ? chi cerca trova. Le troverai.
  4. Sei una donna che ama l’uomo peloso ? chi cerca trova. Lo troverai.
  5. Cerchi sesso ? chi cerca trova. Sicuramente troverai se lo vuoi davvero.
  6. Sei un drogato e cerchi drogati ? chi cerca trova. Li troverai.
  7. Ami fare orgie ? chi cerca trova. Le troverai negli ambienti particolari libertini.
  8. Ami il porno ? chi cerca trova. Ad esempio in internet è pieno.
  9. Ami persone unisex che amano il porno come te ? chi cerca trova. Li troverai.
  10. Ami fare il soldato e cerchi soldati come te ? chi cerca trova. Li troverai.
  11. Siete una coppia libertina senza limiti e cercate altre coppie come voi ? chi cerca trova, sicuramente le troverete.
  12. Siete una coppia sessuale ambigua e strana in cerca di un/una single da mettere in mezzo ? chi cerca trova, negli ambienti squallidi troverete.
  13.  Ami la merda ? chi cerca trova.
  14. Cerchi persone unisex che amano la merda come te ? chi cerca trova, sicuramente le troverai a vagonate; è pieno di gente che ama la merda in tutti i sensi.
  15. Ami solo il denaro e non la gente ? chi cerca trova. Vivi per te stesso e basta.
  16. Preferisci la decadenza morale piuttosto che una vita dignitosa ? chi cerca trova.
  17. Persegui la strada dell’insuccesso ? chi cerca trova.
  18. Non ami studiare e preferisci lavorare ? chi cerca trova.
  19. Ami la lettura di libri ? chi cerca trova, troverai molta gente con la passione per la letteratura come te.
  20. Ami masturbarti e cerchi un/una partner per masturbazione reciproca ? chi cerca trova, forse negli ambienti giusti o tramite annunci in internet su siti particolari, facendo comunque molta attenzione alla gente male intenzionata che circola in rete, tuttavia troverai la malata masturbatrice.
  21. Ami farti le seghe nei parchi pubblici nascosto tra i cespugli in orari serali o mattutini, lontani dalla gente, rischiando di incappare in qualche frocio, trans o donna come te – magari guardona – che mentre si tocca ti guarda o interagisce ? chi cerca trova. Se questo è il mondo che cerchi – anche se pur pericoloso – avrai pane per i tuoi denti. Ognuno si sceglie la vita che desidera fare.
  22. Sei pronto a tutto ? chi cerca trova.
  23. Sei pronta a tutto ? chi cerca trova.
  24. Sei un tipo di tutte chiacchiere e niente fatti ? chi cerca trova. Continua a chiacchierare senza fare niente, che problema c’è ?
  25. Sei una tipa tutto fumo e niente arrosto ? chi cerca trova. Continua a perseguire la strada sbagliata per ritrovarti con niente in tasca.
  26. Hai bisogno di uno Psicoterapeuta ? chi cerca trova. Ma cercalo davvero, non limitarti solo a pensarlo o desiderare di farti aiutare. Fare non pensare.
  27. Vuoi essere aperto nel fare sesso di fantasia con la tua fidanzata o moglie ma sei bloccato che ella possa offendersi nel fare certe cose ? Chi vuole fa. Sii aperto con la donna che ami, confidale cosa desideri fare, discuti insieme a lei dei tuoi desideri e dei suoi; non vergognarti della donna che ami; una buona intesa sessuale libera dal preconcetto di chiusura e fa vivere meglio la coppia. Chi vuole, fa e ottiene. Come dire: Chi cerca trova. Il sesso unito all’Amore è vita.
  28. Cerchi incontri al buio ? chi cerca trova. Cazzi tuoi. Comunque sappi che è molto pericoloso, e prestare attenzione a chi si conosce è la prima regola.
  29. E tanto altro ancora…

In qualunque modo deciderai di vivere la tua vita, qualunque persona incontrerai che ti farà acquisire maturità dentro di te, qualunque tipo di esperienza farai che ti farà capire il mondo che ti sei scelto di vivere; saranno tutte esperienze di vita personale vissuta, che ti apriranno la mente a nuove situazioni personali ed interpersonali, che ti continueranno a capitare fino al raggiungimento della tua meta finale (la morte) istruendoti e facendoti capire il vero significato della vita in se. Ma non saprei dire se c’è significato in una vita sbagliata in ambienti particolari e delinquenziali, sicuramente imparerai il mestiere del delinquente, (se sceglierai questa strada) anche se non credo che questo ti farà una persona migliore; forse farai una pessima vita come per tutti i delinquenti; nel senso che dovrai vivere nascosto come per i topi di fogna, perché altrimenti andrai in galera. Come si può dire che sia vita questa ?

Avere tanto denaro perché hai scelto la vita da delinquente, non ti farà certo ricco, soprattutto se non puoi spenderli per poterti godere la vita reale; anzi, dovrai sempre stare sul chi va là, per non incappare nelle forze dell’ordine che ti perseguiteranno a vita. Capisci ?, se fosse così: ti sei scelto una vita di merda.

Non ho mai approvato la delinquenza in Italia e nel mondo, affari tuoi della tua vita, tuttavia è inevitabile che continuerò ad esserne contro da persona onesta quale sono.

Devi scegliere la strada che vuoi vivere: fai finta di trovarti ad un bivio di strada asfaltata o sterrata che sia, a sinistra trovi la via della merda, dell’insuccesso, della depravazione, del sadomaso (metaforicamente) e di tutto il negativo di questo mondo.
Mentre nella strada immaginaria di destra troverai la via della vita, della bellezza, dell’arte, della musica, del lavoro, delle belle Amicizie, dell’Amore, del costruirsi una famiglia con dei figli, della preghiera se credi in DIO e probabilmente anche del volontariato e del tuo successo personale.

ORA

La vita va vissuta giorno per giorno, per questo servono le esperienze negative oltre a quelle positive, servono per capire meglio chi siamo e come affrontare determinate situazioni che ci capiteranno in futuro; nonostante tutto il dolore che potrebbero darci è comunque una lezione di vita propria vissuta sulla nostra pelle.

Per esperienze negative non intendo fare i delinquenti, ma anche se fosse spero che poi qualcosa possa pentirsi dei suoi crimini, così da non ricascarci più una seconda volta, che potrebbe essere fatale.

Vediamo l’esempio di Gesù Cristo: ha lottato molto contro la cattiveria nel mondo dell’epoca, ha aiutato e fatto miracoli, fino a portare una croce pesante sulla propria schiena, frustato a sangue dai soldati e lasciato morire in croce. (Morto per noi).
A pensarci mi dà sempre tanto dolore e lacrime, comunque il discorso è proprio questo, come ha sofferto lui, soffriremo anche noi, soprattutto per le persone cattive che ci capiteranno nella vita di tutti i giorni. (E’ inevitabile). Una pesante croce dovremmo portare (metaforicamente) sulla nostra schiena, imparando a vivere sopporteremo il fardello che ci opprime, mentre le esperienze di vita vissuta alleggeriranno il peso della vita. Gli Amici giusti calmeranno il nostro dolore, e l’Amore ci donerà forza nell’andare avanti di giorno in giorno.

Vivi come se fosse sempre l’ultimo giorno

Perché un giorno (prima o poi) potrebbe esserlo davvero, l’ultimo di vita vissuta su questa terra di passaggio, e quando saremmo prossimi alla fine, anzi che essere tristi per la morte, dovremmo ringraziare coloro che ci hanno dato la vita (mamma, papà, etc.) permettendoci di averla almeno vissuta a modo nostro. (Ne più e ne meno).
Non importa se nella miseria, nel benessere o nella ricchezza; quello che conta è aver vissuto per un fine comune, ovvero: la libertà di aver lottato tutta la vita contro la gente negativa e cattiva, per la dignità propria. 

Ce lo saremo guadagnati un posto in paradiso dopo questa vita di sofferenza e dolore?

Quanto ho scritto in questo Post, deve far capire, che la vita non dev’essere vissuta preoccupandoci di un domani negativo, ma semplicemente dovrebbe essere vissuta lottando per i propri diritti di giorno in giorno, costruendoci un presente roseo e un futuro possibilmente radioso, lontani dalla criminalità e dalla cattiveria della gente; questa dovrebbe essere la vita degli uomini e delle donne, non c’è altro modo che questo.

Finisco con il dire che la vita è all’insegna della serenità, del benessere e del costruirsi una famiglia con dei figli. Perché i bambini sono il futuro della razza umana; e se educati bene, rappresenteranno la salvezza dell’umanità stessa.
E poi diciamocelo apertamente, una volta adulti i nostri figli, e cresciuti con le loro idee e progetti; potranno migliorare il mondo e il benessere della nostra società.
Con questo è davvero tutto e… Buona giornata a voi tutti.

Da: Tutto ciò che fa notizia.

L’amore che ti cambia

L’amore è una parola bellissima, ma viverlo è tutta un’altra cosa, ti senti bene, ti da gioia, freschezza, simpatia, complicità, benessere, protezione, senti la vita scorrere dentro di te, non ti sei mai sentito così bene da sentirti vivo di giorno in giorno, ti senti in piene forze; e sotto l’aspetto sessuale hai sempre appetito di tenerezze, baci, abbracci e carezze, perché il sesso ti completa al 100% associato all’amore che hai per la tua lei.

La forza dell’amore è davvero impressionante, ti fa battere il cuore ogni volta che sei in comunicazione telepatica con la tua partner, basta che pensi alla donna che ami e riceverai una sua chiamata perché ella sente Amore per te, è davvero una cosa meravigliosa sentirsi amati e desiderati da una donna che ti dice: ti amo amore mio.

E’ con l’amore che si manda avanti il mondo e non con l’odio, è con l’amore che si acquisiscono nuove amicizie e non con il disprezzo, è con l’amore che si riesce a fare amicizia con le altre coppie, e non con la diffidenza e l’accidia; è con l’amore che si mantengono le amicizie e non con la cattiveria e la prepotenza, l’amore è tutto questo e molto di più. L’amore è qualcosa che va al di là della concezione umana, l’amore bisogna viverlo per capirlo, comprenderlo, sentirlo, ascoltarlo, gustarlo in ogni sua parte, senza Amore non può esserci rispetto reciproco e dignità; perché l’amore è davvero tutto il mondo e l’intero universo creato da DIO.

Ma quando sei donna e ami un uomo malato di mente e alcolista drogato e/o fumatore accannato e tu non lo sai inizialmente, anche se lo vedi strano nei comportamenti verso di te, ma tu continui a starci insieme ripetendoti che un giorno cambierà; allora stai pur certa che se è malato non potrà mai cambiare, proprio perché malato.
Il problema di chi crede all’amore che non potrà mai esserlo è proprio questo, sarà una vita sofferta e distruttiva, ma quando diverrà anziano sarà ancora peggio di quando lo hai conosciuto, forse anche malato di alzheimer per via di una vita nell’alcolismo; e allora i tuoi guai si quadruplicheranno sempre più, fino a che imploderai dentro di te nella depressione ed esaurimento nervoso, proprio perché non sei un’infermiera ma la moglie di un pazzo.
Stiamo parlando di un uomo che ti ha distrutto moralmente la famiglia e i tuoi figli, ma tu intanto lo ami e lo sopporti perché vivi con la sua pensione, e se ti ribelli lui ti picchia oppure ti fa i dispetti come i bambini infantili. Avevi anche pensato in passato di ammollarlo per trovarti un’altro uomo, ma nello stesso tempo hai avuto paura che ti capitasse uno più brutale e violento del tuo attuale compagno di vita, così per timore non lo hai più cercato e sei rimasta con lui; ma le paure vanno affrontate prima o poi, non si può soccombere davanti ad esse. Purtroppo però ormai è tardi, e lui è vecchio e malato anche fisicamente: enfisema polmonare per le troppe sigarette che fuma, diabete mellito, problemi neurologici, problemi alla prostata (l’alcol uccide) e la prospettiva della morte; tu sei impotente non puoi fare nulla se non aspettare, e l’unica cosa che ti rimane da fare è proprio quello di farlo ricoverare in clinica per riprendere la tua libertà, quella che ti ha tolto nella vita facendoti del male; qui capisci da te che l’amore non c’è mai stato con un compagno così.

Il problema è che se lo fai ricoverare tu resterai sola in casa, perché in qualche modo ti eri abituata al tuo lui malato e pazzo, e se muore, prima che ti riprenderai dal lutto passeranno mesi, forse anche un anno, se non hai interessi o un hobby creativo che ti impegni la giornata; insomma in un modo o nell’altro vivrai male con la sua pensione che forse non basterà per vivere, perché lo stato non ti riconosce di più.
Ora tu sei anziana e non puoi tornare a lavorare per vivere la vita come in gioventù di quando avevi le forze per farlo, se per tutta la vita non hai fatto una polizza vita per avere una pensione, e ne tanto meno hai mai investito sul mattone; in vecchiaia sarà molto dura vivere la tua anzianità, perché è qui che ti accorgerai di essere davvero impotente, ed anche perché è la vecchiaia stessa che ti rende debole e apatica insieme al dolore aspettando la morte. Ma sai anche che devi reagire in qualche modo per non lasciarti morire moralmente, perché la vita (anche se pur in vecchiaia) può essere ancora vissuta; ritrovando una breve serenità per quel poco che ti è rimasto da vivere.

Se ti dovessi trovare moralmente depressa, non fare l’errore di andare dallo Psichiatra tanto per farti imbottire di Psicofarmaci, a parere mio personale una persona anziana non resiste tanto facilmente a farmaci così potenti pieni di effetti collaterali che destabilizzano la persona fino a renderla sensibile ai problemi cardiovascolari dovuti alla vecchiaia; piuttosto cerca un bravo Psicologo Psicoterapeuta che sappia curare senza farmaci, comunicando i giusti consigli a parole; in questo modo potrai risolvere i tuoi eventuali problemi di lutto.

L’amore se non lo si trova con il giusto marito o con la compagna adatta alla nostra vita, in un modo o nell’altro bisogna trovare un’altra persona per farci ben volere, perché soli non si può vivere, abbiamo bisogno di qualcuno che ci sostenga, che parli con noi, che ci aiuti a capire mettendoci a confronto tramite nostre esperienze di vita per poter vivere. Inoltre è possibile che pur essendo sposata con un uomo che non ti considera o che non ci vai d’accordo anche se ci stai insieme, potrebbe capitare un altro uomo che ti darà l’affetto e l’amore che il tuo lui non ti ha mai dato.
Certo riconosco che non è giusto tradire il proprio compagno di vita con un altro uomo, ma se il tuo lui ti da solo il denaro per vivere ma non l’affetto che meriti, è più che normale prima o poi che te ne cerchi un altro pur continuando a non dire nulla al tuo attuale marito, facendo finta di niente (come sempre) e continuando la vita di coppia per quanto ti è possibile fare.
Ti ho messo davanti una drastica soluzione per farti capire e comprendere che se hai delle problematiche in famiglia in qualche modo devi sopravvivere tu come persona.

Ora è bene non confondere e non fraintendere con quelle donne veramente puttane (nel vero senso della parola) con mariti consenzienti, che approvano proprio vedere la donna con un altro uomo mentre loro si masturbano, stiamo parlando dei così detti cuckold, gente massivamente malata che ama questo genere di pratica sadica; e ne tanto meno stiamo parlando degli scambi di coppie o delle orgie consapevoli tra persone interessate a questo genere di pratiche orgiastiche; qui mi sto riferendo solo a quelle persone che non vanno d’accordo con i loro partner e che hanno bisogno di evadere sentimentalmente con qualcuno che li capisca. Tutto qui.

Tuttavia (tornando al discorso di avere un altro uomo in caso il marito trascuri la propria lei) potrebbero presentarsi problemi di crisi di coppia psicologiche, in questo caso se il proprio uomo della lei è d’accordo e consapevole di affrontare la situazione, dovrebbe rivolgersi per una psicoterapia di coppia senza farmaci, piano piano e senza fretta con il passare del tempo, è possibile riprendere ad amarsi reciprocamente come all’inizio di quando si era fidanzati; ma solo se uno dei due acconsente di aiutare non solo se stesso ma anche l’altro. A parere mio personale è un’impresa ardua, difficile e delle volte impossibile convincere il proprio partner ad affrontare una terapia di coppia, ma comunque tentar non nuoce; a meno che il vostro lui non sia un violento che è meglio evitare di proporre tale rimedio, e passare per vie legali o di separazione.
A questo proposito mi sento in dovere di dire che l’Amore, pur essendo una cosa meravigliosa per quelle coppie che l’hanno trovato e lo stanno vivendo, non è sempre facile per il resto del mondo, perché tanta gente pensa che l’amore non esista per principio; e che esiste solo la tolleranza, l’affetto (che non è Amore) l’andare d’accordo senza amarsi e il sopportarsi per non esser soli; ma questo genere di coppie hanno il tempo che trovano, è come dire: << non si sopportano però hanno paura di lasciarsi >> è una situazione pericolosa e complessa, proprio come la famiglia che vive al terzo piano del mio condominio, lei Marchigiana e lui Napoletano, sempre a litigare di brutto, tutto il palazzo li sente che si azzannano come bestie feroci; le figlie sono cresciute nel sentire i genitori che si ammazzano tra loro e che proprio le figlie piangevano per la disperazione di questa situazione in famiglia devastante.
La più grande si è chiusa in se stessa e non parla più da diverso tempo, (fortunatamente è riuscita a laurearsi e a trovare un compagno di vita) il Padre delle due ragazze (ora adulte) che tempo fa urlò a sua moglie: << Questa non è una famiglia normale, sono stanco di litigare >> non è mai felice di vivere la vita, mai lo vedo sorridere, mai lo vedo gioioso (non ci ho mai parlato perché caratterialmente non siamo mai andati d’accordo) ma nel complesso tra lui e la moglie devo anche riconoscere che sono due autentici stronzi di prima categoria con i loro modi di fare davanti alle loro figlie. Tuttavia personalmente non sono interessato ai loro litigi, ognuno la sua vita se la sceglie creandosi il proprio destino, sono contento invece per le due figlie, che nonostante la terribile situazione angosciosa famigliare hanno vissuto, sono comunque riuscite a crearsi una loro vita con gli Amici, le Amiche e Fidanzati, oltre al lavoro.
Mi spiace solo una cosa, quando tornano a casa dopo il lavoro delle volte assistono quotidianamente ai soliti litigi tra padre e madre, e come potete ben capire: l’amore per questa famiglia non è mai esistito

A mio parere personale senza giudicare la vita che hanno vissuto, il giorno in cui si sposeranno per andare a vivere con i loro compagni di vita, sarà il giorno in cui cominceranno a vivere davvero lontane dai loro genitori.

Bene, detto questo chiudo il Post scritto dicendo che non tutto è oro quel che luccica su questo mondo. Arrivederci a tutti voi da: tutto ciò che fa notizia Blog.

Basta Videogiochi a 40 anni

Salve a tutti, ormai come avrete notato non scrivo più molto come prima di post in post, causa problemi agli occhi che mi sono venuti dopo anni di utilizzo del computer (ho iniziato nel 1982 ad appassionarmi del commodore64 per poi seguire tutta una serie di computer successivi), vuoi per problemi inerenti alla mia famiglia (un padre alcolista e matto che non ragiona più e dimentica tutto ogni parola che gli si dice), vuoi per la depressione che sto vivendo da 9 anni a questa parte, vuoi una serie di altri eventi negativi nella mia vita, vuoi per le miodesopsie che mi infastidiscono quando sto al computer; insomma… In poche parole alla fine ho preferito staccare la spina e dire basta al PC (Personal Computer).

Ho nel PC installati un po’ di vecchi giochi (retro-games: avventure grafiche, strategici, manageriali e via dicendo) ma non li gioco più, se lo faccio è solo raramente (mi annoiano molto) e quando mi capita di giocarci sento dentro me una sorta di malinconia e depressione a livelli imperscrutabili, perché sono giochi molto vecchi che risalgono al 2003 (quando avevo 28 anni di età).
Erano altri tempi, più giovane, in forze, lavoravo come impiegato ASL e psicologicamente stavo meglio (mentre mio padre non era malato come oggi), così quando gioco a questi vecchi videogames mi sento ancora più depresso di ora, mi smontano molto psicologicamente.

Tra i miei preferiti che ogni tanto in modo raro li rigioco sono: Space Colony (gioco manageriale dove lo scopo è quello di costruire una colonia spaziale per poi difenderla da eventuali attacchi alieni) SimCity4 (Fare il sindaco di città, costruire strade, zone residenziali, industriali e commerciali, amministrare tasse e via dicendo, non c’è guerra ma solo costruzione di città) Command&Conquer3 Tiberium Wars (vecchio videogioco strategico dove lo scopo è quello di distruggere il nemico, la visuale è in stile Risiko con la mappa dall’alto, ma volendo è possibile anche zoommarla o ruotando la mappa per 360 gradi, così da osservare le zone nascoste dietro alle colline o montagne) Tropico4 (vecchio gioco di edificazione città in un’isola tropicale molto simile a SimCity4) e qualche avventura di Benoit Sokal e altri.. Nel complesso mi sono scocciato di giocare al computer da solo come un cane.

A 40 anni di età compiuti il primo maggio 2015 sento la necessità di una compagna, ho tanto bisogno nella mia vita di una donna che mi capisca, mi mancano gli abbracci, i baci, le carezze, il profumo di lei, la sessualità, le coccole, queste forme di affetto e tenerezza che sono al compiacimento del rapporto di coppia sono assenti nella mia vita, mi fa soffrire tantissimo il fatto di non avere una compagna con cui parlare di tutto e condividere le cose assieme. Ricordo ancora sotto Agosto del 2014 con Anna (conosciuta nella Regione Abruzzo) lei Rumena dopo 4 giorni di conoscenza siamo finiti entrambi a letto, ma non fu Amore solo una semplice Avventura, però mi piacque molto e scoppiai in lacrime tra le sue braccia come un bambino (me lo ricordo ancora come fosse ieri) quando mi disse perché stavo piangendo, io risposi: < < perché era da tanto che non ricevevo più un abbraccio e una carezza, mi mancava molto >>.

Se debbo essere sincero tante cose non vanno più nella mia vita, ho smesso persino di lavorare con internet, mi sono parzialmente ritirato dal web, troppe truffe informatiche, troppa gente cattiva e malavitosa sul web pronta a fregarti in qualsiasi momento, è tutto troppo difficile, non è più come un tempo che era molto più semplice lavorare online; più andiamo avanti e più diventa complicato; quindi… Ma chi me lo fa fare a buttare i miei soldi e il mio tempo con la rete internet ? – Buon Proseguimento di giornata!

Traffic Rammer

Iscriviti anche tu su questo manualsurf per ottenere visibilità planetaria a basso costo o gratuitamente.

Pensieri Filosofici

oggi sono in vena di pensieri filosofici

Con questa vi saluto e vi mando la buona notte ed un buon giorno per domani e per tutti i giorni dell’anno, augurandovi ogni bene nella realizzazione dei vostri sogni qualunque essi siano; sperando che questi sogni vi possano lasciare tutta la felicità di questo mondo.
Siamo nati in un mondo che a seconda di come lo si vede può essere una vita felice e/o infelice, di dolcezza e splendore ma anche di sofferenza e dolore, che unita ad una forza di coraggio e perseveranza si va comunque avanti nonostante le tenebre avvolgono questo mondo a volte grigio e cupo e a volte bello e gioioso; dipende sempre come ti senti TU come persona.
La felicità viene da dentro non c’è alcun dubbio, o c’è o non c’è, ma in parte viene anche da fuori, dalle persone che abbiamo intorno.
Se viviamo in un ambiente negativo questo si ripercuote dentro di noi, se viviamo in un ambiente positivo indubbiamente saremmo felici; eppure qualcuno disse: L’infelicità si crea per l’eccesso di abitudini sempre uguali in cui ci identifichiamo, vero.. bisogna cambiare, vedere la vita diversamente per far crescere la felicità dentro ogni essere umano di questa terra, dedicarsi a cose creative o facendo cose positive; uno Psicologo disse: Essere felici è come crescere: nessuno te lo ha insegnato, ma lo sai fare.
Sei Felice quando fai qualcosa che ti rende felice, nonostante tutto viviamo in mezzo agli alti e bassi della nostra esistenza, nonostante tutto alcune situazioni fanno soffrire e causano dolore, eppure la felicità è sempre dentro di te devi solo saperla guardare a modo tuo, e quando la troverai ti sentirai rinascere dalle ceneri del tuo vecchio mondo mentale vedendo la vita con occhi diversi e rigenerati, con una luce tutta nuova che ti trasmette emozioni a non finire; l’emozione della gioia della vita stessa che hai tu in quanto persona ed essere umano.
Un consiglio: fai come me, io da anni faccio esercizi di positività prima di andare a dormire così da risvegliarmi con pensieri positivi ogni mattina.
Non importa se tu ci creda o no, non importa in che stato psicologico ti trovi, se afflitto dai tuoi problemi o se felice tu prova comunque questo esercizio e vedrai che man mano che lo continuerai ti risveglierai con pensieri altrettanto positivi. Provare per credere.
Prima di andare a dormire (prima di coricarti) quando ti trovi sul letto chiudi gli occhi e ripensa ad un evento positivo (anche piccolo) vissuto durante la giornata, o durante la settimana scorsa o durante l’anno, cercane uno nella tua mente; qual’è la situazione più bella che ti ha reso felice anche se per pochi minuti o secondi ?
Pensaci e dopo che hai trovato quella bella situazione (una stretta di mano, un abbraccio, un bacio, hai fatto l’amore con una persona che ti piace in modo particolare, hai accarezzato un cane o un gatto e così via) esclama la parola GRAZIE (ringrazia l’evento positivo che hai vissuto) e cerca di mantenere il più possibile il tuo pensiero sulla gratitudine, dopo di che mettiti a dormire e buona notte.
Questo esercizio anche se sembra inutile eppure ti posso assicurare che non lo è, la Psichiatria lo dice chiaramente: chi va a letto con pensieri positivi l’indomani mattina si risveglia con altrettanti pensieri positivi sentendosi per tutto il giorno felice.
Prova e ti ricrederai.

CIAO

Dolcissima Creatura

Per me è una cosa fortissima, non resisto alla tentazione di prenderlo, eppure con tutte le mie forze cerco di non pensarci, ma il pensiero ritorna sempre indietro, perpetuamente, che dolcissima creatura, sono circondato nel mondo da donne veramente dolci e belle, donne speciali con la sorpresa, quella cosa che mi rende un uomo felice; eppure non riesco a non pensarci, ce l’ho sempre qui nella mente, e con tutte le mie forze sto facendo di tutto per divagare con il pensiero.
Che voglia che ho di amare una creatura così, di vivere in coppia con lei, di sentirmi abbracciato da lei, quando ci penso ho un’erezione paurosa, ma ovviamente cerco di tenermi occupato proprio per non pensare a questa cosa, è davvero difficile vivere all’ombra della verità.

Meravigliosa creatura by Gianna Nannini on Grooveshark

Mi è capitato parlarne male di costoro, ho tentato di farci amicizia ma non sono stato capito, ho il mio carattere e loro sono molto prevenute, almeno qui in Italia, eppure io le amo con tutto me stesso, le desidero con tutto il cuore, le ho tra i miei contatti Facebook, Google Plus, Twitter e compagnia bella, le amo tantissimo che non riesco a farne a meno; sono creature meravigliose di una femminilità stupenda e di una dolcezza infinita; ma non riesco a farmi capire da loro, sono molto distanti psicologicamente da me, hanno un pensiero diverso dal mio modo di pensare.

Io ci soffro tanto sopra, sto malissimo, mi dispiace che con alcune creature è nata una inimicizia senza pari, mentre con altre ne sono fortemente amico, e ne sono felicissimo, mi sento bene quando parlo con queste creature, vorrei starci più vicino, ma nello stesso tempo mi sento respinto da loro; e coloro che se le proteggono mostrano un accanimento spietato verso altri uomini che cercano di socializzare con queste creature dolcissime, quasi come volessero difendere le loro prede, quasi come fossero loro stessi disturbati sotto l’aspetto psicologico e irreparabilmente irrecuperabili psicologicamente; e allora.. ma cosa me ne frega a me di questi uomini così complessati?

Speriamo di trovarla un giorno una creatura così dolce, senza fare nomi, senza mettere etichette di alcun genere, senza dire nulla di più e nulla di meno, che sul blog non mi va di metterlo pubblicamente e né ho voglia di parlare della mia vita privata; causa possibili fraintendimenti, male interpretazioni da parte di chissà chi; meglio non dire nulla, chi mi conosce (o quelle creature che mi conoscono) sanno di cosa sto parlando, e sono convinto che mi capiscono benissimo, e spero anche riusciranno a comprendere ciò di cui sto parlando. VI AMO TANTO creature dolcissime.

Buona Giornata

Amarsi e non capirsi

Non c’è niente da fare, serve l’amore in questa società, senza l’amore non si vive, senza un abbraccio non si va avanti, senza una carezza l’abbattimento cade su di noi, senza un bacio sulle guance o sulle labbra si sprofonda nell’oblio, senza sesso si cade in depressione ed esaurimento nervoso; senza un massaggio erotico con la persona che ci ama o che ci vuol bene si cade in nevrosi.
Nonostante tutti i libri di psicologia di self-help mi sono studiato, nonostante le riviste di psicologia di self-help mi sono letto e che continuo a leggere mensilmente (ad esempio Riza Psicosomatica) ho capito ormai da diverso tempo, che ogni lettura di self-help che si rispetti è destinata a spiegare il concetto base dell’amore; tutti gli psicologi dicono che serve l’amore, servono gli abbracci, serve la sessualità, servono le carezze; perché è questa la vera essenza dell’umanità, è proprio l’Amore fine a se stesso.

Lo vedo ogni giorno nella gente che mi circonda, e lo sento anche io dentro di me quando mi manca l’amore, ne sento gli effetti negativi che mi assalgono e mi fanno stare male.
Ad esempio: quando una persona vive la vita in solitudine senza una compagna o un compagno di vita, quella persona si trasforma in una belva acida, inavvicinabile, isterica, brutale, cattiva, mentre ci sono individui invece che gli fa l’effetto contrario; ad esempio se soli senza un/una partner si chiudono in loro stessi, perdendo ogni contatto con il mondo che li circonda; diventando persino impulsivi e paurosi psicologicamente se qualcuno gli rivolge la parola, e questo è male. E’ chiaro che qui c’è bisogno di una Psicoterapia, la persona chiusa in se stessa o troppo burbera per via della solitudine, ha bisogno di parlare con qualcuno, e proprio attraverso la parola si possono risolvere molti problemi.
Non c’è neanche bisogno di dirlo che serve (come dicevo in precedenza) una psicoterapia.

Sulla Rivista di Riza Psicosomatica del mese di Settembre 2014 n.403 pagina 105, uno Psichiatra conversazionalista, ha parlato dell’importanza delle carezze nella vita affettiva e di coppia; e questo articolo mi ha talmente emozionato, che mi ha fatto capire quanto è importante la vita in un’insieme di baci, abbracci e carezze, perché senza di esse non si può vivere; dato che è proprio la natura umana che chiede a gran voce il contatto fisico.

In mancanza di un/una partner esistono tanti modi per non soffrire la solitudine (almeno fino a che non si troverà un/una possibile partner) ad esempio la “letteratura romanzata” o altro tipo di lettura aiuta moltissimo. (E’ stato dimostrato che la lettura tiene compagnia, perché istruisce la persona che legge, e l’istruzione è una componente fondamentale di arricchimento culturale dell’essere umano) Inoltre interessarsi alla cultura, all’arte, alla musica, al cinema, al teatro oppure allo sport (esercizio fisico) a contatto con altre persone che condividono i nostri stessi interessi, contribuisce ad allontanare la solitudine, la sofferenza dell’essere soli e cosa ancora più importante, ci mette in relazione con altre persone (in rapporti sociali) arricchendoci socialmente e culturalmente in attività di gruppo proficue per il genere umano.

Questa è la vera essenza della razza umana

Sconsiglio vivamente l’utilizzo di videogiochi, ho notato che chi gioca molto al computer, (oltre ad essere convinto di divertirsi, che poi non è così) è affetto da sintomi collaterali evidenti che causano i videogiochi violenti “FPS“, ad esempio: convulsioni, disorientamento, perdita di coscienza, riferiscono di avere mal di testa perpetui quando smettono di giocare al computer, vista annebbiata, spasmi oculari o muscolari, aggressività, depressione, testa fra le nuvole senza ascoltare bene la gente davanti a loro, dipendenza da videogiochi, occhi arrossati, sguardo perso nel vuoto offuscato dai mille pensieri che hanno in testa e così via; questi sintomi sono tutti legati all’uso improprio del computer e dei videogiochi, che provocano allucinazioni (come per l’eroina) e controindicazioni gravi.

Ora io capisco che chi vende videogiochi e chi li pubblicizza sulle riviste non è interessato a raccontare la verità, scrivono menzogne difendendosi il video game di per se, raccontando addirittura che fanno bene alla salute, perché migliorano la percezione e una serie di altre stronzate (cosa che la percezione e la psicologia la si può migliorare benissimo con le parole crociate, o svolgendo attività all’aria aperta, anzi che diventare dipendenti dal gioco in se e di per se) raccontate da chi vende i videogiochi; ma la psicologia (quella vera) parla chiaro, i videogiochi fanno male, non sono salutari a nessuno, la vita bisogna viverla non davanti ai giochi ma al di fuori del computer.

Tutto ciò che crea dipendenza e abuso non può essere considerato amore per la vita, quindi amarsi e non capirsi vuol dire amare con tutto se stesso l’amore fine a se stesso per la vita, la lettura, le attività, la creatività, la socializzazione, la famiglia, i figli, il lavoro, tutto un’insieme di cose che vanno a completare l’essere umano in tutta la sua interezza; e non dedicarsi solo ad una cosa fino a farla diventare un abuso ed una dipendenza senza uscita; quindi dedicarsi a vivere la giornata e la settimana attivamente.

E’ importante mettere in moto il metabolismo e la mente vivendo la vita giornalmente

Buona Giornata

Oggi al Mare

Oggi decido di andare al mare a Ostia con mia madre, oggi 28/09/2014, arriviamo alle 13:00, cerchiamo un posto e finiamo ad uno stabilimento balneare, che però io non trovandomi bene dico a mia madre di spostarci nella spiaggia libera; poco dopo la troviamo, ci andiamo e faccio la scoperta di una ragazza straordinaria, mora, riccia, pelosa sulle braccia come piace a me, stupenda.. si trovava li con un’amica, per poi ne arrivò una terza che si unì a loro; e per tutto il giorno ci siamo divorati con lo sguardo.
Se non ci fosse stata mia madre di mezzo mi sarei fatto avanti, DIO quanto mi piaceva, non s’ho proprio che avrei dato per parlarci, per provarci, mi piaceva troppo, e tutt’ora ancora mi piace mentre sto scrivendo questo Post.

Per tutto il giorno è stata a giocherellare con il cellulare nero in mano, mentre io immaginavo che avesse un’altra cosa in pugno, una parte di me tosta (ma tralasciamo i particolari) ella era sorridente, giovane, forse sui 25 anni (non l’ho guardata bene in viso) sono stato tutto il giorno sdraiato sulla stuoia a guardare il mare e a leggere il mio libro preferito; ero stanco morto causa dormito male la notte, e questa donna mi guardava tanto, ed io la guardavo molto, ci fissavamo con gli occhi, ci siamo mangiati, quasi volessimo scopare per assaporare i nostri umori e le nostre lingue in bocca; con ingordigia assoluta di desiderio sessuale.

Sono quelle situazioni che non puoi fare nulla, soprattutto quando ti trovi in compagnia di genitori, non sai mai come muoverti con una madre anziana parecchio negativa, che sta li attaccata ai figli a rilassarsi sulla spiaggia, per poi quando gli scappa di andare in bagno perché prende farmaci diuretici, subito ti devi alzare a cercargli un bagno; come fai in queste situazioni a rimorchiare una donna ?

Quando mia madre si alzò per andare a cercare una “Toilette” allora ella subito si girò sorridendomi, cosa che feci di rimando anche io, ma quando tornò mia madre, la ragazza non si girò più.

A proposito: un rimprovero al Comune che non si degna di collocare i BAGNI nella spiaggia libera; VERGOGNATEVI. Soprattutto quel pezzetto di spiaggia vicino lo stabilimento della Nuova Pineta. Sperando che questo Post di Blog venga letto da qualcuno inerente il Comune o chi ne fa le veci, o qualcuno comunque che possa farsi sentire a gran voce; i “bagni” servono, sono importanti.

Dato che ho pubblicizzato questo Blog a pagamento su Googe Adwords grazie ad una pubblicità Low Cost trovata in rete, e prenotando un SEO Professionista che mi sta aiutando; se la ragazza della spiaggia di Ostia dovesse capitare casualmente sul Blog di “tutto ciò che fa notizia” dovesse leggere questo articolo, chiedo la cortesia di contattarmi iscrivendosi sul social di Google Plus. E’ il Banner pubblicitario che vedi nella colonna di destra con raffigurato un tramonto sopra le nuvole e la foto di un’astronave.

Io sono quello con il cappello verde con visiera, occhiali scuri, costume boxer nero e maglietta grigia; se ti ricordi di me (dato che ti stavo dietro) desidererei molto mettermi in contatto con te; mi piaci molto, ho perso la testa per te; ti prego contattami. Un bacio !!!

Donne: tra virtuale e realtà.

Oggi voglio parlare della differenza tra il conoscere una donna nel virtuale e il conoscere una donna nella realtà.
Non sarò laureato in Psicologia clinica ma l’università della vita l’ho anche io, e quindi ne s’ho qualcosa, causa molte prove in passato sui dating online, e dal vivo.

Dating Online

La differenza è notevole: in rete dovete postare la foto, riempire un questionario come in polizia, i dati anagrafici (e non è detto neanche che vi contattino) e una volta che avete inserito tutti i cazzacci vostri, potrete a questo punto contattare gente, ma invece troverete la sorpresa finale: se non pagate il servizio col cazzo che potete contattare gente.

Ok, facciamo finta che abbiamo pagato il servizio del dating online, a questo punto dobbiamo contattare le ragazze e/o donne, generalmente non risponde nessuna, ma su 100/1000/10.000 contatti al mese, inviando email, messaggi, occhiolini, cartoline virtuali e cazzate varie, su 10 mila iscritte “una” risponde sempre per curiosità; così facendo perderete altro tempo per cercare di conoscere la “curiosa” che invece non è interessata a conoscervi.
Ciononostante dopo un paio di mesi o più è possibile realmente conoscere una donna, con un’amicizia virtuale, ma prima del grande passo nel reale di tempo ce ne vuole, prima la conoscenza e poi la realtà; se mai ci sarà s’intende.

Qui sorge un problema, e da una parte è anche divertente per molti e frustrante e degradante per altri. Si perché quando si conversa in chat (non subito ovviamente) le ragazze/donne sia giovani che mature, dopo un’ora e passa di conversazione, o anche dopo qualche giorno o due o più (a seconda di quanto ci impiegano entrambi i sessi nel socializzare) parlando del più e del meno, in modo molto disinibito e indifferente, nella conversazione si “allude” il più delle volte (in un modo o nell’altro) sempre alla sessualità; spostando la conversazione su questo argomento che tanto attrae il mondo di oggi e chi frequenta le chat; in un modo o nell’altro si arriva sempre qui. Sia da parte di lei o da parte di lui. Il sesso fa girare il mondo, non c’è niente da fare.

Argomenti forti poi, mica roba leggera, del tipo:

Lei a Lui:

< < è però hai visto quante cose si vedono in giro al giorno d’oggi ? di tutti i colori >>

Lui a Lei:

< < si infatti, fanno cyber sex, si inviano foto intime, è lo sò, pare che la rete funziona così >>

Lei a Lui:

< < poi è pieno di porci con le ali, gente che gode guardando foto intime altrui, pieno di puttane >>

Lui a Lei:

< < hai ragione… è pieno di puttane e puttanieri, mamma mia >>

Poi la conversazione diventa più eloquente, si approfondisce (evidentemente lui o lei cercano qualcosa, secondi fini li chiamo io, prima ne parlano poi approfondiscono i fatti) si evidenziano parole, situazioni, eventi, fino a che la conversazione tra entrambi i sessi diviene più o meno così:

Lei a Lui: < < hai una foto da mandarmi ? >>

Qui o capisci al volo oppure continui a chiacchierare del più e del meno come se niente fosse, e gli invii la foto vestito tutto per intero dalla testa ai piedi, una foto normalissima, ne più e ne meno.

Lui a Lei: < < Va bene, si una ce l’ho, vedi un pò tu se ti piace !!! >>

Insomma non c’è molto da capire, si parla di sesso, si allude alla sessualità parlando altrui di quello che fanno le persone al giorno d’oggi con la rete internet, per poi chiederti una foto; si capisce a priori che tipo di foto cercano e chiedono, non c’è molto da capire. Anche perché se cercano una foto normale, la troverebbero comunque sul profilo della persona con cui ci stanno chattando sul dating online; non mi dire che non ci avevi mai pensato.

Comunque sta di fatto che i dating online in realtà non funzionano affatto come per la vita reale, o come per le Agenzie Matrimoniali specializzate negli incontri online e dal vivo, a parer mio personale, le persone iscritte sui dating sono persone intente a perdere tempo da drogati dipendenti dalla rete internet, ne più e ne meno; anche se su cento contatti qualcuno si incontra sempre. Purtroppo è anche vero che è molto difficile e complesso. Magari qualcuno per più di un anno ci ha provato invano e alla fine è riuscito a conoscere una che gliela data per pietà.
Dal canto mio non ho mai creduto alla gente che dice di avere amici sui dating online, quando in realtà non si sono mai incontrati dal vivo, perché coloro che dicono di avere molti amici nel virtuale, sono essi stessi soli nella vita reale (ne più e ne meno) senza uno straccio di amico o di una ragazza o donna con cui fare l’amore; sono persone sole che oltre a pubblicizzare il dating online gratis, dicendo di avere amici, sono coloro che probabilmente si ammazzeranno di seghe e ditalini davanti al PC.

Parliamoci chiaro, chi è che frequenta la rete internet e soprattutto i dating online ?
E’ tutta gente asociale nella vita reale, sono persone che hanno difficoltà nel socializzare con il prossimo, magari sono timidi e introversi, o forse più semplicemente donne depresse con situazioni gravi alle spalle, ad esempio: divorzi, tradimenti, famiglie distrutte, forti delusioni amorose finite in ossessioni senza fine e in deliri squilibrati e deliranti (una volta conobbi una ragazza che credeva ai maghi che facevano le carte, si condizionò a tal punto “mi raccontò“, che per liberarsi dalle ossessioni del “mago” sbatteva violentemente la testa al muro urlando, per poi di seguito visse in ospedali psichiatrici, quando tornò a casa dai genitori, continuò a prendere farmaci contro le ossessioni e pillole antidepressive) di gente disturbata mentalmente o di persone depresse e stressate dalla vita in generale; dal lavoro che non va e da molte altre situazioni della vita.
Insomma, i Dating Online non si può certo dire che siano dei luoghi armoniosi e pacifici, c’è di tutto, con la differenza che in rete è più facile trovare queste situazioni particolari, mentre nella vita sociale al di fuori di internet, le persone con cui parlare ve le scegliete.

Mia madre dice spesso: < < la gente la devo prima guardare in faccia e parlarci, prima di potermi realmente fidare >>.

E internet in effetti l’unica pecca della rete è che dietro a quelle fotografie potrebbero non esserci le persone che dicono di essere, bisogna prestare la massima attenzione a non divulgare le proprie foto personali a gente sconosciuta via email, ma limitarsi ad inserire la foto sul profilo del Dating online; se interessate vi guarderanno là, altrimenti mandatele a quel paese; che è meglio.

Non voglio fare tutta l’erba un fascio sui dating online, è anche vero che oltre alla gente complessata ci sono anche persone normali, ma cercare gente normale è come cercare un ago in un pagliaio; oltre al fatto che è possibile trovare gente merdosa che va cercando rogne via internet, attaccabrighe e puttanieri, oltre alle puttane di ogni tipo.
Insomma la rete ma soprattutto i “dating online“, sono siti internet che a parer mio personale, servono soltanto per tenere la gente incollata al computer senza risolvere nulla di concreto nella vita di tutti i giorni.
Poi se qualcuno o qualcuna riesce effettivamente ad incontrarsi, vi auguro tutta la felicità possibile di questo mondo, auguri e figli maschi, dato che i bambini maschi scarseggiano sulla terra, sono più le donne che gli uomini.
Per ogni uomo ci sono sette (7) donne singole per lui; questo dimostra la scarsità del sesso maschio nel mondo. Servono più uomini per mandare avanti la terra, non c’è alcun dubbio.

VITA REALE

Parliamo della vita reale ora, lasciamo perdere quelle cazzate dei Dating Online, lasciamo perdere le Agenzie Matrimoniali, lasciamo perdere i Forum, le Bacheche online, le chat che non portano a nulla, se non alla solitudine della rete internet, ma non lasciamo perdere i Blog gestiti da gente come me che amano scrivere e raccontare i fatti della vita reale e della rete; gente che ha provato e che sa come funziona il mondo, consigliando al popolo e a chi li legge come comportarsi. Vere e proprie fonti di sapere e conoscenza i Blog sono.

La vita reale è molto diversa, qui si vive in un modo completamento diverso da come si intende dalla rete, perché nella vita di tutti i giorni, sei costretto (in un modo o nell’altro) ad affrontare situazioni sociali sia positive che negative che siano, e le persone te le puoi scegliere; soprattutto puoi scegliere chi frequentare su tanta gente che conosci.
Il bello in effetti è proprio questo, sei tu che scegli chi farti amico e chi no, chi merita la tua amicizia e chi invece non la merita, chi ti rispetta lo avvicini, chi non ti porta rispetto lo allontani; è tutto qui, e la verità più grande e più bella è proprio quella che le persone le guardi negli occhi fisicamente, ci parli a voce e non dietro un computer nascosto da una fotografia virtuale che ti ritrae e da una falsa chat, la vita reale ti consente di godere delle gioie della vita che tanto ti meriti che sia; ovvero: LA TUA VITA.

Dove conoscere gente dal vivo ?

Ovunque, ad esempio in contesti sociologici appropriati è possibile fare delle belle conoscenze, tipo: Palestre, Piscine, Campetti di calcetto, Tennis, Mini Golf, Basket, Pallavolo, Pallamano (servono sport di squadra, la funzione è proprio quella di avvicinare le persone e di farle socializzare giocando e divertendosi nell’esercizio fisico di gruppo) e altri sport che non ho citato vanno benissimo.

Lo sport è importante perché oltre a mettere in moto il corpo umano con l’attività fisica (che porta benessere e fortifica la personalità di un individuo) aiuta a combattere lo “stress” portando ad un miglioramento psicologico la persona che pratica qualsiasi tipo di sport; nello stesso tempo socializzando con il prossimo. E’questo il bello dello SPORT di gruppo e non dello SPORT individuale.

Un altro modo per conoscere gente dal vivo è interessarsi all’Arte, ad esempio: Teatro, scuole di Disegno e Pittura, Scultura, scuole di Solfeggio, ritmica e strumenti musicali (quindi scuole di musica con altri allievi nella stessa aula che condividano la passione per la musica, in un contesto musicale è possibile fare delle belle conoscenze) oppure tutto ciò che riguarda l’Arte di per se. L’importante è trovare una situazione sociale che coinvolga l’individuo in attività di gruppo, in qualsiasi forma siano: SPORT, Arte, Musica, Teatro, Danza, Balli di gruppo classici e/o latino americani, scuole e/o corsi didattici per la formazione personale, finanziaria e sociale; corsi per imparare a lavorare, e così via.. Tutto ciò è da ricordare che il contatto sociale (in qualunque forma esso sia) è un modo come un altro per combattere la solitudine affrontando situazioni della vita favorevoli alla socializzazione e alla verbalizzazione del linguaggio dell’essere umano.

Se nell’eventualità siete persone Timide e/o Introverse e non riuscite in alcun modo a socializzare, invito a consultare un semplice Psicologo o Psicologa, da frequentare una volta o due alla settimana (a seconda delle vostre necessità sociali) che vi aiuti ad affrontare situazioni sociali che non riuscite a vivere bene.
ATTENZIONE: Non bisogna vergognarsi a consultare uno Psicologo o Psicologa per farsi aiutare sotto l’aspetto psicologico, in caso di “disagi” dovuti alla socializzazione, dev’essere invece motivo di “orgoglio“; sapere che c’è qualcuno che può aiutare gente in difficoltà nei rapporti personali e/o interpersonali che siano.
Certo non dovete sbandierare in giro la notizia che andate dallo Psicologo, è una cosa vostra personale da tenere per voi; però se ne avete bisogno è più che ovvio che un aiuto psicologico serve, questo è poco ma sicuro.

Se invece avete problemi più gravi riguardanti la depressione, l’esaurimento nervoso, la nevrosi, le ossessioni e/o fissazioni che non riuscite a togliere sotto l’aspetto psicologico, consiglio di consultare un medico Psichiatra Psicoanalista e/o Psicoterapeuta che vi dia la giusta terapia farmacologica da associare alla psicoterapia per curare il vostro problema. Non vergognatevi se state male, lottate contro la malattia facendovi aiutare.

LA GIOIA DI VIVERE LA VITA

La vita è meravigliosa, altro che dating online che costringono a stare chiuso/chiusa in casa davanti al PC.
Se desideri vivere pienamente la tua vita, ne più e ne meno, allora riempi la giornata di interessi. Servono impegni, non stare fermo/ferma inerme nel dolce far niente, fai invece qualcosa che ti tenga impegnato/a per tutta la giornata, così da non pensare ai problemi della vita, del lavoro, della famiglia se non ci vai d’accordo, e così via; vivi semplicemente la vita. E’ l’unica soluzione che ti rimane per vivere nella socializzazione.
Fai tanto, impara ad amare, a dare amicizia, e riceverai amicizia e amore; non stare mai fermo, vai a lavorare, muoviti, vai in palestra, esci, vai in giro per la città, o il tuo paese, fai tanto, costruisci la tua giornata e impegnala per ogni ora del giorno; in questo modo ti circonderai di impegni e interessi per la tua salute psicologica e sociale.

Questo è il segreto per vivere una vita appagante e interessante sotto tutti i punti di vista; e se proprio non ti basta e vuoi approfondire le situazioni sociali, e magari ami anche leggere libri e acculturarti, allora fatti un bel regalo; acquista un kindle Amazon per leggere ebook a basso costo di Self-Help, ti arricchiranno istruendoti ulteriormente sulla vita sociale. Grazie a tutti e tutte per aver letto il Post di Tutto ciò che fa notizia Blog.

Buona Giornata

Politica e Degrado Italiano

Chi l’avrebbe mai detto che proprio io avrei conosciuto una donna rumena e che ci sarei finito a letto per tutto il mese di Agosto 2014 ?
E’ bellissimo sentirsi amati, desiderati, coccolati, per poi penetrarla per fargli sentire il mio essere uomo, ad una donna che non aspetta altro che prenderlo per divertirsi con una persona giovane come lei.

Lei di 36 anni di età ed io di 39, solo tre anni di differenza. Lei con un figlio di 14 anni che vive in Romania, mentre la mamma si trova qui in terra straniera a fare la badante, senza marito, sola, single, desiderosa di affetto reciproco, di sesso; è semplicemente meraviglioso il contatto fisico con una donna.

Lei mi raccontò che aveva un compagno con cui ha avuto due figli, uno attuale di 14 anni e l’altra deceduta a 3 mesi per delle cure sbagliate fornitegli dalla medicina Rumena.
Il compagno qualche tempo dopo (per il dolore o per chissà cosa) la lasciò, andando con altre donne, mi spiegò che non si era mai sposata con quest’uomo, ne in chiesa e ne al comune, semplicemente ci aveva fatto i figli insieme perché ne era innamorata.
Mi spiegò che non aveva il denaro per sposarsi, costava troppo il matrimonio, e il lavoro in Romania non permetteva di guadagnare a sufficienza da potersi permettere un matrimonio, così mandò tutto a quel paese e fece i figli ugualmente.

Comunque vadano le cose, mi disse che non è interessata minimamente al matrimonio, se trova un compagno che ci va d’accordo si stabilisce da lui, se si innamora ci vivrà insieme senza matrimonio, ci farà sesso e così via..
Ma si, tutto sommato ma chi se ne frega del matrimonio sia in chiesa che al comune, al giorno d’oggi in Italia e/o in altri paesi poveri ma chi si sposa più; manca il lavoro, il denaro, se ti sposi e divorzi sono dolori, ma guai grossi e pure di brutto, se invece ti sposi al comune già va meglio; e se non ti sposi proprio e vai a convivere con la tua compagna è meglio ancora, proprio come ha fatto mio fratello; fidanzato all’età di 16 anni e mai sposati in vita loro, convivono e fanno l’amore, ora hanno 45 anni e ancor oggi convivono.

Più e più volte mio fratello lo dice, il lavoro non c’è più, non si guadagna più bene come una volta, la vita è povera, danno lavoro solo agli extracomunitari e gli Italiani sono disoccupati; il suo lavoro da rappresentante non frutta più bene come una volta, la gente non compra più alcun prodotto, sta perdendo tutto; lavoro, denaro, presto darà via anche la casa e poi saranno dolori per davvero. E’ tutta una vergogna l’Italia, figuriamoci trovare i soldi per sposarsi in chiesa. Ma vaffanculo tutto.

Poi ci si mette pure il PAPA: < < Fate entrare in Italia gli stranieri disoccupati, sono cristiani anche loro, hanno bisogno di lavoro >> e intanto la razza Italiana si sta estinguendo, la disoccupazione cresce ed è in continuo aumento nel nostro paese (chiesa dittatoriale, si fanno solo gli interessi loro da sempre, da duemila anni a questa parte, maledetti) gli stranieri lavorano gratis, hanno i migliori posti di lavoro in Italia, vengono assunti su due piedi, e noi Italiani dobbiamo pagare per avere un lavoro, dobbiamo avere delle raccomandazioni, altrimenti niente lavoro; ma questa non è vita, è miseria. Ma vaffanculo per davvero.

Protesto e Denuncio

Si, come cittadino di questo paese io Protesto liberamente contro la chiesa, che si difende gli extracomunitari e non dice niente a favore degli Italiani, “vergogna“. Dicano piuttosto di dare lavoro al popolo Italiano e non a chi arriva clandestinamente o non clandestinamente nel nostro paese; perché gli Italiani hanno bisogno di un lavoro, e non possono perdere tempo con le cazzate che raccontano i potenti. Mascalzoni.

Il Papa è Argentino no ?, bene, allora perché non dice ali extracomunitari di andare a cercare lavoro in terra Argentina, anzi che rompere i coglioni in Terra Italiana ?
Qui mi pare a me che il lavoro scarseggia soprattutto per l’Italiano povero e medio, in Italia ci vivono bene solo i ricchi e chi ha un lavoro fisso entrato per raccomandazioni, tutti gli altri fanno la fame; che disgrazia questa situazione, speriamo che un giorno cambi o saremmo costretti noi giovani a espatriare.

l’Italia non può ospitare tutto il mondo, diciamo BASTA agli extracomunitari, chiudiamo le frontiere, anche io voglio lavorare, e se continuiamo così in Italia, un giorno non molto lontano, sarà totalmente nelle mani degli stranieri; mi RIBELLO a tutto questo, non concordo, l’Italia è nostra e ce la dobbiamo tenere noi, è casa nostra e non casa multi-razziale, Protesto e Denuncio per questa brutta situazione degenerativa.

La gente non fa più figli in Italia e già questo è un altro problema, gli italiani non fanno più figli come una volta perché non ci sono i soldi e non c’è lavoro, è tutto in mano agli stranieri, BASTA FACCIAMOLA FINITA.

Costruiamo più carceri in Italia per togliere la criminalità dalle strade, così da creare un futuro migliore con meno criminalità e più sicurezza per tutti/e.

RENZI: Facciamo queste benedette riforme della minchia, sbrighiamoci, ma dubito che ti diranno di SI, hai visto che dietro le quinte ancora governano coloro che per 20 anni ci hanno rovinato l’Italia con un Governo sbagliato ? – Ma tu caro RENZI te ne sei reso conto già da solo, vero ?

Che grande inculata che è tutta l’Italia, una grande presa per il culo a tutti gli effetti, c’è tutto per gli extracomunitari, i raccomandati, i ricchi, i potenti, i delinquenti, e chi più ne ha più ne metta; mentre per noi poveracci non c’è un cazzo, se non la miseria stessa e la disoccupazione Italiana in continuo aumento.

L’unica soluzione sarebbe quella di imparare a lavorare con internet per crearsi una rendita online, tanto è tutto con la rete che si fa la maggior parte delle cose, internet è mondiale, è guardato in tutto il mondo; solo che c’è un altro problema che mi stava facendo notare mia madre. Più passa il tempo senza lavoro, e più ai giovani gli passa la voglia di lavorare. In questo modo però aumenteranno i delinquenti, i suicidi, i nullafacenti, i depressi, lo stress aumenterà dilagando in tutta Italia, e sarà la rovina del nostro Paese. E’ un dato di fatto futuro.
Anche perché (comunque vadano le cose senza lavoro) lavorare al computer è un’attività passiva, che porta a lungo andare all’obesità, all’impotenza per l’uomo (non si drizza più) aumentano i dipendenti drogati da PC (Personal Computer) su mille (1000) persone uno (1) riuscirà a guadagnare bene, mentre gli altri 999 non riusciranno mai a monetizzare per mancanza di esperienza al computer; insomma… Non è un lavoro per tutti stare al PC e in Internet, è un lavoro per pochi. E’ da un bel pezzo che me ne sono accorto.

In definitiva: la mia Protesta e Denuncia resta valida fino a che non cambieranno le cose (se le cambieranno s’intende) nel nostro paese, nel frattempo il mio post resterà qui fino alla fine dei miei giorni, se necessario; e speriamo che gli Italiani si diano una svegliata.

Buona Giornata