La noia dei social network

Salve a tutti, parliamo oggi della noia dei social network. Una grande scocciatura i social: Facebook, Instagram, Pinterest, Twitter, altro.. perché la funzione primaria di questi siti, non è la socializzazione, ma è della perdita di tempo e/o del lavoro, rischiando di buttare la propria vita per le cazzate online senza risolvere niente di concreto; questo è il problema dei social.

Il rischio è quello di diventare (senza volerlo) degli “influencer” di non successo, perché il desiderio di condividere storie personali, innocue, anche in bicicletta, o mentre si cammina parlando di argomenti di vario tipo, non produce risultati di possibili Amicizie, ma solo di gente non interessata a noi; semplicemente perché siamo visti come presentatori di un programma qualunque, in un canale qualunque, di un social network qualunque. Tempo Perso.

Poi quando ci siamo fatti conoscere non è detto che rispondano ai video che inseriamo, può darsi non rispondano mai, e che ci seguono solo come spettatori di un semplice programma amatoriale in rete. Una gran perdita di tempo, questo è certo, a meno che decidiamo di monetizzare qualcosa con le pubblicità nei video, ma anche in questo caso dovremmo avere oltre cinquemila persone che ci seguono; altrimenti niente guadagni. Questa è la triste verità dei social network.

Vale la pena aprire un canale qualunque per parlare dei fatti propri ?
Secondo me “no” non ne vale la pena, a meno che si ha un profilo privato lontano dal pubblico della rete allora è un altro discorso, con persone fidate, amici e non sconosciuti, SI sono d’accordo; dato che in pubblico è meglio non esporsi troppo con chi non si conosce.

La Privacy è un diritto umano, e non è bello raccontare troppo di noi sul web. Ciao!!!

Pubblicato da tuttociochefanotizia

Sono un blogger "anticonformista" non un giornalista, mi diletto come "opinionista" ma non tuttologo, scrivo fatti e opinioni rispettando l’articolo 21 della costituzione della repubblica italiana, raramente segnalo sistemi di guadagno online elementari alla portata di tutti. Buona Lettura.