Roma Sporca

Salve a tutti voi, mentre giravo per la città a passeggio, e a tratti con la mia automobile della Renault, noto con grande indignazione; l’immondizia che la fa da padrona vergognandomi di essere Italiano. Secchi dell’AMA non raccolti, con l’immondizia che straripa fuori dai bidoni della spazzatura ormai saturi di merda fino al collo, e intanto noi cittadini siamo costretti a vivere nella melma a non finire. Non capisco come mai non hanno mai pensato di inventare un pulsantino verde da applicare sui secchi dell’immondizia; così da chiamare la nettezza urbana una volta pieni, (potrebbe essere un’idea) ma poi i vandali ci cliccherebbero sopra di continuo creando disservizi al sistema urbano; indi per cui ho pensato ad un’altra soluzione alternativa.

La grande idea che mi è venuta dal nulla per risolvere il problema spazzatura, (per quando ci sarà un sindaco degno di rispetto per Roma) è stata quella di aver pensato a dei sensori laser da costruire all’interno del bidone (quindi un secchio elettronico) in grado di chiamare in automatico la nettezza urbana quando il secchio è pieno, così da liberarsi della spazzatura nel modo più veloce possibile.

Ho pensato che potrebbe essere interessante acquistare un Robot umanoide serie REEM C da mettere alla guida di un cammion AMA, così da aiutare i lavoratori 24h su 24, (magari alimentato all’interno della cabina sfruttando come forma di energia ecologica il motore gravitazionale) ad aumentare l’efficienza nelle strade urbane della città di Roma. Infondo il motore a gravità è fisica elementare, si potrebbe perfezionare (come ho pensato) da inserire sotto i sedili dell’abitacolo, ruote che girano a 600 Km orari, così da generare energia (dalla forza di gravità della terra) collegate ad un generatore elettrico che fornirà un buon funzionamento al Robot. Buon Giorno!

Precedente Protocollo HTTPS Successivo Poliedrico