Schiavi delle Sette Religiose

Quando non hai più niente da perdere e hai praticamente perso tutto nella vita (lavoro, denaro, famiglia, figli, nipoti, parenti, amici, amore, sesso, ecc..) quando vedi il mondo griggio intorno a te, l’unica cosa che rimane – il più delle volte – è “Pregare” nella più assoluta disperazione di se stessi.
Questa cosa conduce le persone disperate e con problemi economici alle spalle (o caratteriali di debolezza mentale) ad essere presi di mira maggiormente dalle “sette religiose“, approfittatori della gente debole caratterialmente e realmente sola nella vita; per avvicinarle al proprio culto religioso.

Una volta all’interno si inizia (come per tutte le cose) dalla base, ovvero: dallo studio della setta, al lavoro della chiesa, fino ad arrivare alle preghiere indottrinanti che generano “sensi di colpa” e oppressioni.
Lo studiare libri sono la prima fonte indottrinante del “culto“, questo perché prepara l’adepto ad affrontare il percorso spirituale per (secondo loro) vivere meglio, nonostante la sofferenza e il dolore che la vita purtroppo ci pone davanti a noi tutti, in un modo o nell’altro.
E’ normale che esistano alti e bassi nella vita, siamo esseri umani e non macchine prive di sentimenti, e tutti noi piangiamo e soffriamo quando questo accade, ecco perché tanti disperati si avvicinano a DIO nella speranza di risolvere i loro problemi.

Attenzione: è bene chiarire una cosa fondamentale, un conto è credere in DIO, e un conto è farsi indottrinare fino a non vivere più la vita con problemi psicologici di vario tipo, quindi è bene fare chiarezza su questo punto.
Nessuno vieta di pregare, ognuno creda a ciò che vuole, ma tu che leggi questo testo, fa attenzione a chi ti vuole “schiavo” e indottrinato, o perderati tutto, anche te stesso con il tempo. Sii sempre te stesso. Ciao

Precedente Odio e Amore Successivo Il Menzognere